Pozzallo. Controlli antidroga, Carabinieri arrestano un minorenne

Era in possesso di numerosi dosi di sostanza stupefacente e materiale per il confezionamento

POZZALLO – Ieri pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Pozzallo, nel corso di un predisposto servizio antidroga, hanno tratto in arresto per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti il minorenne R.I., classe ’98, originario di Gela, studente, incensurato.
I Carabinieri, infatti, hanno notato il giovane che, con fare sospetto, si aggirava per le vie del centro di Pozzallo e, dunque, dopo averne seguito gli spostamenti, si sono avvicinati per controllarlo.
In effetti, il sospetto dei militari dell’Arma si è rivelato subito fondato, tanto che, il giovane, accortosi dei Carabinieri, ha tentato di disfarsi di un involucro contenente circa 5 grammi di marijuana ed ulteriori quattro dosi da 0,5 grammi l’una della medesima sostanza.
Nella circostanza, dunque, il ragazzo è stato sottoposto a perquisizione personale e, oltre alla sostanza stupefacente di cui aveva tentato di disfarsi, è stato trovato in possesso di una banconota da 20 euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio.
A questo punto, i Carabinieri hanno esteso il controllo anche presso l’abitazione del ragazzo che abita da solo a Pozzallo e, abilmente occultati, hanno rinvenuto un altro involucro contenente 6,5 grammi di marijuana, altre 31 singole dosi della medesima sostanza dal peso di 0,5 grammi l’una, materiale per il confezionamento e per il taglio, nonché due bilancini di precisione e sette vasetti di plastica contenenti ciascuno dei germogli di “cannabis indica” di altezza variabile tra i tre e gli otto centimetri.
A questo punto, i Carabinieri hanno condotto il giovane in caserma e, dopo le formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno presso il tribunale per minori di Catania, è stato accompagnato presso il centro di prima accoglienza del capoluogo etneo.
La sostanza stupefacente rinvenuta al ragazzo, invece, è stata sequestrata dai Carabinieri e trasmessa presso il laboratorio analisi dell’ASP di Ragusa per i successivi esami qualitativi e quantitativi.
Intanto, i militari dell’Arma proseguiranno anche nei prossimi giorni con ulteriori e mirati servizi antidroga soprattutto nelle piazze maggiormente frequentate dai giovani e nei luoghi di ritrovo.

Print Friendly, PDF & Email