Pozzallo. Picchia il cane ed aggredisce con calci e pugni i Carabinieri intervenuti, arrestato giovane romeno

Il cane gli è stato tolto ed è stato affidato ad una organizzazione di protezione per gli animali

Pozzallo (RG),  10 novembre 2014 – Si tratta di Borcoi Mihaita Leonard, romeno del 1991, senza fissa dimora, già noto alle forze dell’ordine.
Domenica pomeriggio, i Carabinieri della Stazione di Pozzallo sono intervenuti in Corso Vittorio Veneto poiché era stato segnalato un giovane che stava picchiando il proprio cane.
Giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno rintracciato il ragazzo che veniva identificato ed il cane sottoposto a visita da parte del veterinario che ne constatava il buono stato di salute e, pertanto, veniva riconsegnato al proprietario.
Ieri pomeriggio si è ripetuta la scena, infatti, ai Carabinieri era stato nuovamente segnalato lo stesso ragazzo che stava picchiando con violenza il proprio cane.
I militari dell’Arma, intervenuti, dopo aver sentito alcuni testimoni che ne confermavano la dinamica, rintracciavano il giovane con il proprio cane e lo conducevano in caserma.
A seguito dei fatti, quest’ultimo veniva denunciato a piede libero per maltrattamento di animali e, pertanto, gli veniva tolto il cane che veniva affidato ad una locale organizzazione di protezione per gli animali.
Il giovane romeno, non appena abbandonata la caserma dei Carabinieri, danneggiava con calci e pugni diverse autovetture in sosta sulla pubblica via e, non appena intervenivano i militari dell’Arma per riportarlo alla calma, li aggrediva fisicamente con violenza cagionando, ad uno di essi, delle lesioni giudicate guaribili in sette giorni.
A questo punto, non con poche difficoltà, lo straniero veniva nuovamente condotto in caserma ove, dopo le formalità di rito veniva dichiarato in stato di arresto con l’accusa di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché danneggiamento.
Dell’avvenuto arresto veniva data comunicazione al Sostituto Procuratore di turno presso la Procura di Ragusa che ne disponeva la traduzione presso la Casa Circondariale del capoluogo ibleo.

Print Friendly, PDF & Email