Preso il latitante dell’operazione “REWIND”

La Squadra Mobile di Ragusa lo cercava dal 2011, è stato scovato in provincia di Palermo

Vittoria, 24 dicembre 2015 – La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha catturato BELHAOUES Azouz detto “Karim” nato in Algeria il 29.02.1972, in quanto latitante dal 2011, ritenuto facente parte del sodalizio criminale dedito al traffico di droga nelle province di Ragusa e Catania.

L’operazione “Rewind”, la notte del 29.01.2011, ha visto la partecipazione di oltre 150 uomini della Polizia di Stato per la cattura di quasi 40 soggetti presenti in tutta Italia ed in particolar modo nelle province di Catania, Palermo, Agrigento, Napoli, Parma, Reggio Emilia, Milano, Prato, Trapani e Siracusa.

Tutti erano accusati di far parte di un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e “Karim” era uno dei corrieri della droga che si spostava tra le varie province siciliane, con base stabile in provincia di Ragusa ed in particolar modo nel comune di Vittoria.

L’attività di ricerca dei latitanti non termina mai, difatti ieri, durante uno dei servizi finalizzati al controllo degli occupanti dei veicoli, che durante le feste natalizie vengono intensificati, i colleghi della Polizia di Stato della Sezione Polizia Stradale di Buonfornello (PA) hanno individuato il catturando.

Grazie ai sofisticati sistemi d’indagine della Polizia di Stato, nonostante l’uomo abbia fornito generalità false, gli agenti della Sezione di Polizia Stradale hanno scoperto dal riscontro con le impronte digitali prelevate durante le indagini della Squadra Mobile di Ragusa, che davanti a loro vi fosse il latitante “Karim”.

Condotto presso gli uffici della Polizia di Stato, il latitante ha ammesso di essersi allontanato da Ragusa dal 2011, ovvero da quando era fuggito rendendosi irreperibile conoscendo ormai di essere ricercato.

“La Polizia di Stato di Ragusa continua senza sosta l’attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, sia per quanto concerne lo spaccio cosiddetto di <<piazza>> che quello del narcotraffico”.

Print Friendly, PDF & Email