Salvatore Nicosia ai domiciliari su richiesta degli avvocati Giovanni Mangione e Salvatore Minardi

Vittoria (RG), 19 maggio 2015 – Salvatore Nicosia, l’uomo che avrebbe ridotto in schiavitù una romena, avendola tenuta segregata in casa, senza avere mai avuto la possibilità di uscire, è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Vittoria. La richiesta, avanzata dai difensori della vittima, avvocati: Mangione e Minardi è stata accolta dal GIP, dottore Andrea Reale, nonostante il parere negativo del PM, dottoressa Botti.
La misura cautelare, che potrebbe apparire limitativa, considerata la gravità del reato, è stata applicata in questo modo, in quanto, nonostante l’ipotesi della segregazione, sia molto verosimile, il racconto reso dalla parte lesa, risulta contraddittorio in alcuni passaggi, e non confermato dall’altro teste.
In questo momento, si dichiarano soddisfatti i due legali, seppure non ritengono di avere ancora concluso il loro lavoro, per potere dimostrare a 360 gradi, la violenza fisica e psichica subita dalla loro assistita.

Print Friendly, PDF & Email