Sciacca. Sequestrati beni per oltre mezzo milione di euro

BENI PER OLTRE MEZZO MILIONE DI EURO SEQUESTRATATI AGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA’ APPARTENENTI AL NOTO GRUPPO IMPRENDITORIALE LATERIZI FAUCI

SCIACCA – A seguito di mirate indagini coordinate dal sostituto procuratore della repubblica di sciacca dott. Carlo Boranga ed originate da una segnalazione della direzione provinciale dell’agenzia delle entrate di Palermo, le fiamme gialle saccensi hanno sottoposto a sequestro preventivo, ai fini della confisca per equivalente, beni per un valore complessivo di oltre mezzo milione di euro di proprietà degli amministratori di tre società parti del gruppo imprenditoriale laterizi fauci.
Nella specifico i finanzieri, scandagliando la situazione contabile e tributaria della laterizi fauci s.r.l., Laterizi Akragas s.r.l. ed L.F. Latersiciliana s.r.l. hanno rilevato un’omissione dei previsti versamenti iva e mancati versamenti di contributi INPS per oltre 2.450.000 euro.
Tali violazioni, sanzionate penalmente dagli art. 10 bis e 10 ter del D.Lgs 74/2000 e relative agli anni d’imposta 2012 e 2013, sono state ascritte in capo agli amministratori delle società coinvolte e, nella fattispecie, a Fauci Francesco, Di Grado Rosaria e Pumilia Alfonso.
Le indagini si sono concluse, dunque, con l’esecuzione di tre decreti di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente di denaro ed obbligazioni bancarie per euro 70.982,65 e di una lussuosa villa sita in sciacca nell’esclusiva contrada Isabella, di proprietà della Di Grado Rosaria e con valore stimato di oltre 430.000 euro.

Print Friendly, PDF & Email