Scomparso a 67 anni il San Giuseppe di Scoglitti

Scoglitti (RG) 15/03/2015
E’ morto stamattina a soli 67 anni, anche se ne dimostrava più di 80, Andrea Di Pietro, il San Giuseppe storico di Scoglitti. Solo ieri, dopo un malore, era stato accompagnato in ambulanza, presso l’ospedale di Vittoria, dove oggi è spirato, probabilmente per un arresto cardiaco o per un male che avrebbe potuto avere già da qualche tempo senza che lui lo sapesse; ma tutto ciò, resterà un mistero, perchè nessuno solleverà il problema, nonostante Andrea fosse molto stimato dagli scoglittiesi.
Fino ad oggi, quasi nessuno sapeva che di cognome si chiamava Di Pietro e che aveva 67 anni, tutti lo conoscevano come Andrea u Patriarca. Andrea infatti, da anni impersonava San Giuseppe, e nella giornata dedicata al papà di Gesù, partecipava alle cene in onore del Santo falegname che i devoti preparano per riconoscenza e per fede.
Andrea era solo e viveva una vita da barbone, fatta di stenti e di solitudine, una solitudine che negli anni lo ha reso molto chiuso nei confronti degli altri, ma mai cattivo, aggressivo o capace di compiere brutte azioni.
Andrea abitava sotto le stelle, e, quando il freddo o la pioggia lo costringevano a ripararsi, si rifugiava dove capitava, sempre e solo nella zona della via Napoli, proprio all’uscita dalla frazione marinara di Vittoria.
Alto circa un metro e 74 centimetri, vestito di stracci, si accompagnava alla sua inseparabile compagna di viaggio: una lunga canna su cui si poggiava come fosse stato un bastone; barba bianca incolta, cappellino e una sorta di bisaccia dove conservava ciò che trovava nei campi. Girava infatti per i campi a raccogliere verdure selvatiche che poi vendeva per pochi centesimi.
Le sue mani non si sono mai allungate verso gli altri per chiedere l’elemosina, ma quando qualcuno lo chiamava per offrirgli una moneta, lui sorrideva e diceva: -grazi, mi pigghiu ncafè-.
Un personaggio che la gente, tutti noi, compreso chi scrive, amava e rispettava. Adesso che si è spento appena quattro giorni prima della festa che da anni lo rendeva “protagonista” per una manciata di ore, Andrea già manca al paese, alla gente e alle tradizioni.
Addio Andrea, anche tu, come altri personaggi nati, vissuti e morti a Scoglitti, oggi riportati alla ribalta della cronaca, anche grazie ai Social Network sei volato in cielo silenziosamente e con l’educazione che hai sempre avuto.

(Le foto di Andrea sono state gentilmente concesse da Beniamino Tenaglia, che ringraziamo)

Print Friendly, PDF & Email