Sedilo. Denunciato dai carabinieri cavaliere dell’Ardia

Sedilo, 23 giugno 2015 – I carabinieri della Compagnia di Ghilarza (OR), a conclusione di mirate indagini, hanno denunciato in stato di libertà, M.M. 41enne di Sedilo (OR), coniugato, operaio, che il 6 e 7 luglio 2014 aveva partecipato alla nota manifestazione equestre denominata “Ardia” che si svolge annualmente a Sedilo (OR).
M.M., nella manifestazione del 7 luglio 2014, aveva perso il controllo del proprio cavallo, lanciato al galoppo nella discesa che da “Su Frontigheddu” conduce al santuario di San Costantino, e cadeva violentemente per terra unitamente all’equide.
Il cavallo, nella circostanza, a seguito delle gravissime lesioni riportate e nonostante l’immediato intervento dei veterinari presenti sul percorso, decedeva.
Dalle indagini è emerso che M.M. non era iscritto alla manifestazione e che il cavallo non aveva sostenuto alcuna delle visite mediche necessarie previste dall’Ordinanza ministeriale Martini. Il cavallo non era in regola con il piano sanitario immunologico e vaccinale e non era idoneo, anche a causa dell’età (22 anni), a sopportare lo stress fisico derivante da tale tipologia di manifestazione.
M.M. è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Oristano poiché ritenuto responsabile del reato di “maltrattamento di animali” previsto e punito dall’art. 544 ter c.p.

Print Friendly, PDF & Email