Sgominata organizzazione dedita al riciclaggio e al traffico internazionale di oro e argento

Sequestrati 129 kg di oro e 1374 kg. Di argento. Accertate frodi all’esportazione per 190 milioni. Denunciate 13 persone

Como, 23 giugno 2015 – Dopo due anni di indagine, il Gruppo della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso ha deferito all’Autorità Giudiziaria un’organizzazione dedita al riciclaggio di ingenti quantitativi di oro.
Secondo la ricostruzione degli inquirenti, ora al vaglio dell’autorità giudiziaria, gli indagati, complessivamente 13 soggetti, residenti in Lombardia, Piemonte e Svizzera, avevano predisposto un’articolata rete di raccolta di ingenti quantitativi di oro di illecita provenienza su tutto il territorio nazionale ed estero, impiegando capitali provenienti dalla Svizzera ma soprattutto tratti dal “nero”, cioè dall’evasione fiscale perpetrata da imprese italiane.
Successivamente, utilizzando un sistema di trasporto a mezzo di corrieri dotati di automezzi predisposti con doppifondi volti ad occultare il denaro e l’oro, o di abbigliamenti appositamente realizzati in modo da celare il materiale sulla persona, e di una rete di comunicazioni per mezzo di schede telefoniche italiane ed estere intestate a “prestanome”, esportavano illegalmente i quantitativi di oro, che veniva poi fuso e reimmesso sul mercato, prevalentemente svizzero.
Per creare poi documentazione fittizia che giustificasse la presenza dell’oro, l’organizzazione utilizzava società spagnole, inglesi e degli Emirati Arabi, per far risultare false esportazioni verso la Svizzera.
Le ipotesi di illecito rappresentate alla Procura della Repubblica di Como sono la ricettazione, il riciclaggio, il reimpiego di capitali, ed il commercio abusivo di oro.
Le indagini, svolte anche in rogatoria internazionale con Svizzera, Spagna e Regno Unito, hanno permesso di sequestrare 129 kg. di oro in lingotti (con titolo 995/1000), e 1.374 Kg.
di argento in grani e barre (con titolo 999/1000), per un complessivo valore commerciale di 5 milioni e 675.000 euro, nonché 9 autovetture munite di doppiofondo, e 160.000 euro in contanti.
E’ stata inoltre accertata l’esportazione illecita dall’Italia di ulteriori 4.900 Kg. di oro per un controvalore di oltre 190 milioni di euro.
Le indagini proseguiranno per accertare le violazioni di carattere tributario.

Print Friendly, PDF & Email