Sul balcone a prendere il sole con “Maria”. Arrestato dalla guardia di finanza di Gela

GELA – La “Maria”, come la chiamano i ragazzi, cresceva rigogliosa su un balcone del quartiere di San Giacomo, nel centro storico di Gela. Insieme alla Marijuana bilancini di precisione e qualche spinello, tutto pronto per lo spaccio. Questa volta, però, qualcosa è andato storto, per il giovane gelese dal pollice verde già noto alle forze dell’ordine.
Quando i finanzieri di Gela hanno fatto irruzione nell’abitazione del giovane, le piante di Marijuana erano al sole in balcone fra gerani e comuni piante ornamentali, come un normalissimo balcone di cui andare fieri con il vicinato. I bilancini di precisione ancora sporchi di sostanze stupefacenti, sintomo di un recente utilizzo e uno spinello appena spento. Il ragazzo è stato così tratto in arresto in attesa dei provvedimenti dell’autorità giudiziaria.
Le fiamme gialle di Gela hanno nuovamente acceso i riflettori sul noto problema dell’abuso e dello spaccio di sostanze stupefacenti soprattutto tra i giovani. Ciò che colpisce è la “hybris” del ragazzo, così giovane e già così navigato e addentro al settore. Così tanto abituato all’illegalità da coltivare droga in casa, e meglio ancora in un balcone del centro, come fosse del  tutto normale. Ma la “Maria” che prendeva il sole di fine settembre non è passata inosservata ai finanzieri, costando la libertà al giovane coltivatore.

Print Friendly, PDF & Email