Trapani. Arrestata una donna per lesioni personali aggravate, minacce ed atti persecutori

TRAPANI – Nella mattinata odierna, personale della Polizia di Stato in servizio presso la III Sezione della Squadra Mobile di Trapani (Reati contro la persona, in pregiudizio di minori e reati sessuali) ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari con dispositivo di controllo elettronico, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Trapani, nei confronti di una donna di anni 65, autore del reato di lesioni personali aggravate, minacce ed atti persecutori.

L’attività d’indagine, scaturita da una richiesta d’intervento pervenuta su linea di emergenza 113, ha consentito di ricostruire un quadro allarmante di condotte violente ed ingiustificate poste in essere dall’odierna indagata nei confronti delle figlie e dell’ex marito.

In particolare, l’atteggiamento ossessivo di I.C, anche dopo la separazione da marito avvenuta nel 2013, si è concretizzato in minacce aggravate dall’uso delle armi, aggressioni e danneggiamenti continui, tali da ingenerare nei familiari un serio stato d’ansia e di paura nonché una ingiustificata preoccupazione per l’incolumità personale propria e dei prossimi congiunti

Le dichiarazioni delle persone escusse nel corso delle indagini, hanno trovato pieno riscontro e per questo il GIP di Trapani ha imposto, all’odierna indagata la misura cautelare degli arresti domiciliari, la sola idonea a scongiurare il pericolo di reiterazione del reato e dunque l’incolumità dei familiari.

Print Friendly, PDF & Email