Vittoria, allarme bomba rientrato, la tecnologia gioca brutti scherzi!

Vittoria, 3 gennaio 2015 – Erano le 21:30 circa quando un ticchettio proveniente da una renault scenic ha fatto scattare un allarme bomba in via Bixio con via Evangelista Rizzo. Immediato l’intervento della Polizia di Vittoria, convolgendo pure la propria squadra degli artificieri. Con l’aiuto della Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Polizia Municipale hanno dato avvio alle operazione di ricerca e, nel caso, disinnesco del presunto ordigno in un ambiente sicuro per i passanti e le auto in transito. Infatti è stata chiusa al traffico e al pubblico l’intera area orbitante il punto incriminato e, per sicurezza, sono state evacuate le abitazioni limitrofe facendo scendere in strada circa dieci famiglie. Presente sul luogo anche il 118 con un’ambulanza pronta ad intervenire nel caso la situazione degenerasse.
L’allarme è partito perché l’auto su cui fosse installato il presunto ordigno è di proprietà di un rivenditore che ha il proprio magazzino li vicino. La ditta, infatti, nel lontano febbraio 2013 è stata vittima in un altro attentato che, secondo gli inquirenti, non era di natura mafiosa o legata al raket bensì a un fatto personale.
Fortunatamente dopo una lunga ed interminabile notte di ansia e paura gli artificieri hanno fatto esplodere una carica esplosiva ad acqua per neutralizzare e disinnescare l’eventuale ordigno posizionato in auto.
Alle ore 04:30 circa della notte del 3 gennaio 2015, dopo ore interminabili, l’allarme bomba rientra e quel ticchettio che ha fatto allarmare forze dell’ordine e cittadini non era altro che un cattivo funzionamento del freno di stazionamento dell’auto. La sicrezza non è mai troppa, recita un vecchio detto, e alle forze dell’ordine vanno i nostri complimenti per come hanno gestito la situazione.

Print Friendly, PDF & Email