Vittoria. Ancora droga nelle scuole: Nuovi controlli antidroga presso gli istituti scolastici

La Squadra Mobile ha segnalato tre studenti, una ragazza e due ragazzi, uno di loro stava “rullando” una “canna” durante la lezione. Indagini per risalire agli spacciatori di droga, forse altri studenti della stessa scuola.

VITTORIA – La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Vittoria – continua i controlli di routine presso gli istituti scolastici della provincia di Ragusa.
Ieri, grazie all’aiuto dei cani delle Unità Cinofila della Questura di Catania, sono stati segnalati 3 studenti di una scuola di Vittoria (RG).
Gli studenti sono stati segnalati alla Prefettura di Ragusa, dove a breve saranno convocati per l’inizio del percorso previsto dall’Ufficio Territoriale del Governo.
La droga è stata rinvenuta facilmente dai poliziotti, anche grazie all’aiuto dei cani “APP” e “SKY” che una volta entrati nelle classi hanno subito individuato gli assuntori e lo stupefacente.
Uno dei ragazzi, addirittura, stava confezionando uno “spinello” durante la lezione, in particolar modo aveva tutto l’occorrente sotto al banco ed era intento a preparare una “canna” prima della ricreazione.
La marijuana è stata sequestrata per le successive analisi di laboratorio, i giovani non hanno riferito nulla sugli spacciatori, non aiutando la Polizia nelle indagini.
Altri controlli sono stati fatti in alcune abitazioni connesse a soggetti che orbitano all’interno ed all’esterno degli istituti scolastici e sono tuttora in corso delicate indagini al fine di individuare se gli spacciatori sono studenti, come gli assuntori, o soggetti che si avvicinano durante l’ingresso e l’uscita da scuola.
Continua la piena collaborazione dei dirigenti scolastici ed insegnanti, elemento fondamentale durante questi controlli (spesso richiesti dalla presidenza). Solo la costante buona educazione/prevenzione sull’uso degli stupefacenti e i danni ad essi correlati, può formare adolescenti consapevoli dei rischi che corrono. Di pari passo alla prevenzione, è necessario reprimere quei fenomeni gravissimi presenti nelle scuole, di spacciatori molto giovani che spesso si avviano al crimine per avere una disponibilità economica sin da giovanissimi o per acquistare stupefacente in quantità più consistenti proprio per la dipendenza psicologica e fisica delle quali sono vittime essi stessi.
“La Polizia di Stato continua a registrare un costante uso di sostanze stupefacenti tra i giovanissimi studenti delle scuole ragusane. La Squadra Mobile, grazie alla collaborazione degli istituti scolastici, continuerà l’attività di prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti in tutte le scuole della provincia iblea, così come richiesto dai genitori che dopo i controlli hanno manifestato apprezzamento e gratitudine”.

Print Friendly, PDF & Email