Vittoria. Assassinato Orazio Sciortino pentito di mafia e coinvolto nella strage del 2 gennaio 1999.

Vittoria. 29/06/2020 – Orazio Sciortino, 51 anni, vittoriese pentito, forse il primo pentito che era coinvolto nella strage del bar del distributore Esso, avvenuta a Vittoria il 2 gennaio del 1999, dove sono state uccise cinque persone, tra cui due “incolpevoli”, responsabili solo di essersi trovati nel luogo sbagliato, è stato ucciso oggi nel tardo pomeriggio di oggi, a pochi chilometri dal centro abitato di Vittoria, in un appezzamento di terreno di sua proprietà, sulla provinciale Vittoria Santa Croce Camerina.
L’uomo è stato trovato riverso sul terreno, con evidenti segni al collo, molto verosimilmente, colpi d’arma da fuoco o colpi d’arma da taglio. A dare l’allarme alla polizia di Stato del locale commissariato, un passante che, intorno alle 19,45 ha notato il corpo privo di vita e ha telefonato al 112. Sciortino, come riferito, era uno dei primi pentiti che ha iniziato a collaborare, svelando fatti e circostanze che hanno aiutato le indagini condotte dalle forze dell’ordine e dagli organi inquirenti, dopo quella terribile mattanza del 1999.
Adesso bisognerà fare luce su questo delitto, che potrebbe aprire le “ostilità”. Sul posto del delitto, oltre agli agenti di polizia, anche i vigili del fuoco del locale distaccamento. Il cadavere dell’uomo è stato trasferito presso l’obitorio del cimitero di Vittoria, dove certamente sarà eseguita l’autopsia.

ORAZIO SCIORTINO
ORAZIO SCIORTINO
Print Friendly, PDF & Email