Vittoria. I Nas verificano il servizio mensa con riscontri del tutto positivi

ufficio stampa comune di Vittoria

Vittoria, 20 novembre 2014 – I Nas di Ragusa hanno effettuato questa mattina un sopralluogo nel Centro di refezione dell’Istituto comprensivo “Portella della ginestra” per un’ispezione igienico-sanitaria.
Sono contento – ha dichiarato il vice sindaco ed assessore ai Servizi sociali, Filippo Cavallo – che i militari dell’Arma hanno constatato che i pasti giornalieri, preparati in base ad una tabella dietetica predisposta dall’Asp 7, vengono allestiti in condizioni igieniche e strutturali soddisfacenti e non hanno riscontrato alcuna irregolarità. Ancora, i Nas hanno accertato che le derrate alimentari risultano ben conservate. Questi sono fatti. Da un lato, quindi, inutili allarmismi forse, mi spiace dirlo, a fini propagandistici; dall’altro, il riscontro che quello da noi predisposto è un servizio funzionale, reso nelle migliori condizioni; servizio che intendiamo ulteriormente migliorare”.
Questo verbale dei Nas – ha aggiunto il sindaco, Giuseppe Nicosia – ci conforta sia come genitori, che come amministratori. Come genitori siamo contenti, visto che abbiamo a cuore la salute dei nostri figli e da sempre abbiamo puntato su una mensa che sia ad un livello più che sufficiente. Quest’ulteriore sopralluogo dei Nas ci rassicura anche da qualunque altro punto di vista, perché non c’è dubbio che la salubrità e l’igiene tanto degli alimenti, quanto dei contenitori e dei locali, sono condizioni importantissime. Questo controllo ci garantisce anche come amministratori; siamo sempre ben felici di sottoporci a controlli. Ci lasciano, però, perplessi, quei genitori, che sono anche consiglieri d’opposizione, che lasciano prevalere la spinta eccessivamente critica, allarmistica e strumentale, cioè lasciano prevalere la figura del consigliere di opposizione, piuttosto che di genitore. Come amministratori, abbiamo esortato, fin dall’inizio dell’attività della mensa scolastica, in una riunione con genitori, insegnanti e funzionari, ad assicurare la migliore qualità possibile e ad individuare i metodi migliori per far arrivare nelle mense dei nostri ragazzi i prodotti nel modo più opportuno possibile; e su questo siamo impegnati anche a migliorare. Non è da escludere che si possa arrivare più in là anche ad un aumento della retta per le famiglie che hanno un reddito più elevato, al fine di consentire una qualità ancora più elevata nel servizio di refezione scolastica e, quindi, andare ad una diversificazione del tariffario”.

Print Friendly, PDF & Email