Vittoria. Maxi sequestro di marijuana ed armi nel vittoriese: Si costituisce un altro responsabile

Si è costituito in carcere un altro responsabile coinvolto nella vicenda relativa al sequestro della piantagione di canapa indiana contenente 5.000 piante pari a circa una tonnellata di sostanza stupefacente e di armi

Vittoria, 21 ottobre 2015 – Nella mattinata odierna, I.C., di anni 47, accompagnato dal proprio legale di fiducia, avvocato Catalano Biagio Maurizio del foro di Ragusa, si è presentato presso la casa circondariale di Ragusa ove si è costituito agli agenti della casa circondariale in quanto colpito da ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP presso il tribunale di Ragusa.

Il predetto risultava coinvolto nell’inchiesta effettuata dalle fiamme gialle del comando provinciale di Ragusa, che consentirono in data 12 ottobre 2015, a conclusione di una complessa ed articolata indagine, di sottoporre a sequestro nel vittoriese in contrada Gelata Cappellaris, una piantagione di “cannabis indica” avente un’estensione di oltre 6.000 mq., realizzata all’interno di 5 serre e contenenti circa 5.000 piante appartenenti alle specie “cannabis indica” e “cannabis sativa” allo stato adulto ed in piena fioritura, aventi un’altezza media tra i 160 e i 210 cm ognuna.

L’attività investigativa, condotta dai militari della compagnia della guardia di finanza di Ragusa, consentiva di acquisire concreti elementi di responsabilità a carico del suddetto I.C., Pluripregiudicato, il quale all’atto dell’intervento dei militari presso gli impianti serricoli ove era stata realizzata la piantagione di marijuana, si dava a precipitosa fuga nelle campagne circostanti evitando l’arresto in flagranza di reato.

Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati alla individuazione di altri soggetti ritenuti coinvolti nella maxi operazione effettuata dalle fiamme che avrebbero fornito assistenza e collaborazione ai soggetti tratti in arresto.

Print Friendly, PDF & Email