Vittoria. Operazione “weekend sicuro”: Scattano 18 denunce e 2 segnalazione all’UTG di Ragusa

Recuperata refurtiva agricola del valore di oltre 10.000 euro

VITTORIA – Controlli serrati da parte dei Carabinieri anche nel corso di questo fine settimana in tutta la giurisdizione della Compagnia di Vittoria, finalizzati a far trascorrere un weekend sicuro a tutte le oneste famiglie che abitano nel territorio di competenza e a tutte quelle persone che vi si recano: 18 le persone denunciate, 27 le perquisizioni effettuate, 4 le patenti ritirate, 16 contravvenzioni al C.d.S. comminate per un totale di 25 punti decurtati dalle patenti di guida, 61 veicoli controllati e 127 persone identificate, 3 mezzi recuperati risultati rubati e restituiti ai legittimi proprietari, recuperati oggetti agricoli provento di furto del valore di oltre 10.000 euro, e 2 persone segnalate all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.
Sono i risultati dei controlli su vasta scala che i Carabinieri, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo predisposti in tutto il territorio ragusano dal Comando Provinciale, hanno portato a termine nelle città di Acate, Comiso, Chiaramonte Gulfi, Scoglitti e Vittoria. Un’operazione che ha comportato il dispiegamento in tutta la giurisdizione di 17 pattuglie e di 35 militari, finalizzata da un lato a reprimere i reati di natura predatoria, che più da vicino colpiscono gli onesti cittadini, specie nelle aree rurali, e dall’altro lato a combattere i fenomeni della guida senza patente e senza assicurazione del mezzo, o in stato di ebbrezza alcolica, con evidenti risvolti negativi in caso di incidenti stradali: in tale ottica sono state organizzate perquisizioni mirate, frutto di prolungata attività di acquisizione di informazioni e di successivo riscontro operativo.
L’attività di controllo straordinario del territorio di competenza ha permesso ai militari di deferire in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria iblea ben 18 persone.
Nello specifico ad Acate, i Carabinieri della locale Stazione, hanno proseguito l’intensificazione dei controlli alla circolazione stradale, “pizzicando” 3 persone che guidavano senza patente, che non avevano mai conseguito, e senza copertura assicurativa, due dei quali alla guida di motocicli risultati rubati a Vittoria e Modica lo scorso mese: si tratta di S. D., 33enne rumeno, di D. N. M., 36enne rumeno, e di M. G., 19enne acatese. Così come previsto dal Codice della Strada i 3 sono stati denunciati e i mezzi che conducevano sono stati sottoposti a sequestro e restituiti ai legittimi proprietari previo riconoscimento.
Inoltre, nel corso di una serie di perquisizioni personali e domiciliari finalizzate alla ricerca di armi, i Carabinieri hanno sequestrato un coltello di genere vietato a L.G., 54enne originario di Niscemi, ed hanno riscontrato l’omessa denuncia di smarrimento di una pistola regolarmente detenuta da parte di un acatese, B. G., 65enne: entrambi sono stati denunciati a piede libero.
A Comiso, invece, i controlli effettuati dai militari nel corso di posti di blocco, hanno consentito di sorprendere un 26enne, Z. F., alla guida di un ciclomotore Yamaha privo della patente di guida perchè mai conseguita.
A Chiaramonte Gulfi sono state eseguite diverse perquisizioni domiciliari per combattere i reati predatori, che hanno permesso non solo di denunciare due rumeni per ricettazione,  L. C. C., di 34 anni, e U. M., di 24 anni, ma di recuperare oggetti e attrezzatura agricola del valore di oltre 10.000 euro, costituita da motozappe e attrezzi vari, tubi in ferro per le serre e autoclavi, sistemi di pompaggio d’acqua, il tutto opportunamente restituito agli aventi diritto.
Nella frazione di  Scoglitti, nel corso dei servizi di controllo stradale, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato G. I. A., 21enne rumeno sorpreso alla guida di un ciclomotore Piaggio People, privo della patente di guida perchè mai conseguita. Inoltre, il mezzo è risultato oggetto di furto patito da un vittoriese lo scorso maggio: il motorino, previo riconoscimento, è già stato restituito al legittimo proprietario. E’ stato altresì deferito in stato di libertà, per aver omesso di denunciare lo smarrimento di una carabina ad aria compressa, regolarmente detenuta, un 65enne del posto, M. F..
Nella città di Vittoria, invece, il giro di vite ha permesso di denunciare a piede libero:
G. A., 47enne vittoriese, attualmente in affidamento in prova  ai servizi sociali, poichè seguito controllo si accompagnava ad altro pregiudicato, trasgredendo alle prescrizioni cui era sottoposto;
G. G., 48enne vittoriese, in atto sottoposto alla Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, poichè veniva sorpreso in compagnia di altri 2 pregiudicati;
C. S., 45enne comisano, poichè seguito perquisizioni personale e veicolare veniva trovato in possesso di un coltello di genere vietato, sottoposto a sequestro;
S. S., 19enne tunisino, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, poichè durante un controllo veniva notato fuori dalla propria abitazione in compagnia di altri due suoi connazionali, trasgredendo alle prescrizioni imposte;
M. B., 22enne vittoriese, poichè veniva sorpresa alla guida di una Fiat Punto mancante della copertura assicurativa e priva della patente di guida perchè mai conseguita;
C. G., 70enne vittoriese sorpreso nella nottata ad asportare diverse cassette di primizie agricole appena raccolte in una azienda agricola di C.da Bastonaca.
Nel corso del servizio, inoltre, è stato segnalato all’Ufficio Territoriale del Governo di Ragusa per detenzione per uso personale di sostanza stupefacente un 55enne algerino, H. A., trovato in possesso di oltre 2,5 grammi di hashish, nonché un 44enne, C. S., di origini comisane, trovato con 1 grammo circa di eroina.
In tal senso è opportuno ricordare a tutti i cittadini che è attivo il numero 43002, per segnalare via sms, mantenendo l’anonimato, casi di spaccio o consumo di stupefacenti, ma anche episodi di bullismo: si tratta di un ulteriore mezzo, messo a disposizione dal Ministero dell’Interno, per combattere tali fenomeni che incidono in modo drammatico soprattutto nella fascia più giovane della popolazione.

Print Friendly, PDF & Email