“Diritto di cronaca” … privilegio da abolire!

Leggiamo con stupore e rammarico ciò che scrive sui Social, il sindaco di Santa Croce Camerina a proposito del litorale di pertinenza.

Ci rendiamo conto che, probabilmente si pretenderebbe di abolire il diritto di cronaca, a meno che, questo, non venga utilizzato per incensare chi governa. Vorremmo sommessamente ribadire, che chi viene eletto, DEVE legittimamente governare, così come, chi scrive, ha il sacrosanto diritto di riferire fatti concreti e non contenuti di comunicati o veline che tra l’altro non sono diffuse a tutte le testate giornalistiche.

Inoltre, il primo cittadino, anziché turbarsi per quanto riportato dagli organi di informazione, avrebbe forse fatto cosa buona e giusta, se avesse bacchettato un suo assessore che a fronte di una lamentela di un cittadino, ha risposto testualmente: “Se da noi non si trova bene, sarebbe meglio che Lei cambiasse spiaggia”. Sorvoliamo solo perché non vogliamo fare polemiche sui toni utilizzati nei Social per “contrastare” un articolo giornalistico.

Infine, vorremmo precisare che quando si ha la certezza di ricevere ingiurie o diffamazioni, un rappresentante dello Stato, ha l’obbligo di denunciare all’autorità giudiziaria.

Noi riteniamo di avere agito legittimamente, ma siamo qui ad attendere eventuali azioni che possano appagare le aspettative di un sindaco, che a suo dire sarebbe stato offeso.
Ovviamente, nelle sedi opportune e non sui Social.

Print Friendly, PDF & Email