Rino Durante non è più con noi…

Ragusa, Sicilia 06/09/2015 – Rino Durante, il nostro responsabile editoriale, non è più con noi. Stamattina, proprio il giorno in cui avrebbe conosciuto la sua amatissima nipotina, è partito per un viaggio senza ritorno, un viaggio che tutti noi, prima o poi, dovremo affrontare. Già da tempo il suo cuore, più volte provato dalla fatica del lavoro, dalle sigarette e dai caffè, si è fermato, dopo che proprio pochi giorni addietro i medici che lo avevano più volte avuto in cura, avevano manifestato grandi dubbi sulla durata della sua “macchina della vita”.
Lui sapeva tutto,era consapevole e aveva una grande voglia di vivere.A me e Sebastiano D’Angelo, che in questo ultimo periodo gli siamo stati molto vicini, aveva manifestato questa sua ansia per le condizioni di salute, ma non temeva di morire, temeva quello che è accaduto: non sopravvivere fino al momento in cui avrebbe abbracciato questa sua nipotina adorata.
La vita non gli ha risparmiato questo dolore, e la morte lo ha portato via, incurante del dolore che un nonno può provare quando non riesce ad abbracciare un nipote.
Rino era giornalista professionista ed ha iniziato la carriera giornalistica nel 1977 come collaboratore sportivo della redazione siracusana de “La Sicilia” diretta dall’allora caposervizio Pino Filippelli. Nel 1980 si è iscritto all’albo dei giornalisti nell’elenco dei pubblicisti. Nei prima anni dell’attività è stato corrispondente da Siracusa de “La Gazzetta dello Sport”, nominato dall’allora direttore Candido Cannavò.
Dai primi anni 80 Domenico Tempio, condirettore de La Sicilia, lo ha nominato corrispondente da Siracusa di Antenna Sicilia. Come cronista televisivo si è occupato anche di cronaca nera, giudiziaria e politica. Settori questi, di cui si è continuato ad occupare in seguito, anche come giornalista della carta stampata. Nel 1992 ha sostenuto a Roma, con esito positivo, gli esami per diventare giornalista professionista.
Una volta andato in pensione Pino Filippelli, per decisione del direttore Mario Ciancio e di Domenico Tempio, ha assunto la direzione della redazione siracusana de “La Sicilia”. Nel giugno del 1996 è stato trasferito a Ragusa,dove io l’ho conosciuto e dove fino al dicembre 2010 ha svolto la propria attività giornalistica come caposervizio e responsabile della redazione provinciale iblea de “La Sicilia”.
Quando è andato via, per Rino è iniziato il percorso più difficile della sua vita.
Molti tra coloro i quali gli erano stati vicini e gli avevano manifestato affetto, lo hanno quasi escluso dalla loro “falsa” lista di amici, provocando un grande dolore ad un uomo solo ma sincero, burbero ma buono, aggressivo ma leale.
Questo ha prodotto profonde ferite alla psiche di Rino, e in diverse occasioni, ne ha parlato con me, con Sebastiano D’Angelo e con Gregorio Squadrito, un altro vero amico che non gli è stato vicino fisicamente, solo perchè, per motivi di lavoro, si è trasferito a Palermo.
Quando l’Editore di Italreport, Giovanni Maria Spada, lo ha contattato personalmente per comunicargli che lo avrebbe voluto nella squadra del giornale, Rino è quasi rinato. Adesso che non è più con noi, ci mancherà.
Grazie Rino, per i tuoi insegnamenti e per come eri; per noi andavi bene così e resterai sempre un grande amico.

Print Friendly, PDF & Email