Tunisi presa d’assalto dai terroristi finito il tempo del dire si inizi il percorso del fare

gianni di gennaro
19 marzo 2015 – Spari, fumo, paura, morti, feriti e poi l’irruzione nel museo del Bardo di Tunisi, dove sono stati tenuti in ostaggio tutti i visitatori e il personale di servizio; decine di turisti anche italiani, hanno vissuto il dramma del sequestro e la paura per la loro stessa vita e per quella dei loro familiari e amici.
Poi il blitz dei reparti speciali delle forze dell’ordine, il conflitto a fuoco, il sangue sparso da ambo le parti e, finalmente, la liberazione degli ostaggi.
Una liberazione amara che ha fatto registrare 21 vittime e tanti, tanti feriti, soprattutto, feriti nella pisiche, ferite queste, che non si rimarginano mai. Due terroristi rimangono uccisi, ma anche questa è un’amara consolazione, infatti i morti incolpevoli, come riferito, sono 21, quelli fino ad oggi accertati, tra questi anche 4 italiani, ma forse sono 5.
Le vittime italiane erano tutte in crociera sulla nave passeggeri: Costa Fascinosa; tutti piemontesi.
Ma non vogliamo “catalogare” la nazionalità dei morti nè “scaricare” responsabilità, come solitamente siamo abituati a fare in queste circostanze. Vogliamo solo recriminare, fortemente recriminare, per il disinteresse, la disorganizzazione e la sottovalutazione del fenomeno terrorismo, che in atto si registra nel nostro Paese. E nessuno ci venga a raccontare la frottola che i nostri servizi segreti sono in stato di allerta, perchè, se è vero com’è vero, che colui il quale attentò alla vita del Santo Padre, Giovanni Paolo Secondo, è riuscito ad entrare in Italia, solo pochi giorni addietro, utilizzando un passaporto falso, è entrato in Vaticano e lì “scorrazzava” liberamente, fino a quando la memoria e l’intuito di un sottufficiale della polizia non hanno fatto si che il “lupo grigio” venisse fermato, allora, c’è veramente da stare in ansia.
La strage in Tunisia avvenuta mercoledì, con un attacco al cuore della nazione: il Parlamento, e la successiva irruzione nel museo del Bardo, poco distante da lì, sono i segnali più inquietanti che il terrorismo internazionale, abbia potuto lanciare al mondo intero.
Così come inquietante è l’identità dei due terroristi uccisi dalla polizia: Yassine Laâbidi, di Ibn Khaldoun, e Hatem Khachnaoui, originario della città di Kasserine.
Giovani che si sono aggregati all’esercito del terrorismo, che continua a reclutare insospettabili di ogni ceto sociale e di tutto il mondo.
E mentre il pericolo è alle porte di casa nostra, mentre il terrorismo si organizza per destabalizzare la pace e “saziarsi” di sangue innocente, in Italia si continua a litigare per chi deve continuare a fare il ministro e chi no; per chi è stato accusato ingiustamente e chi no; per chi e con chi dovrà governare nei prossimi mesi e per altre centinaia di argomenti che riescono “sconvolgere” persino i più miti, per la loro pochezza.
Vogliamo sapere, abbiamo il diritto di essere informati, il popolo italiano vuole conoscere, cosa e come si sta affrontando questo pericoloso e grave problema, che riguarda l’incolumità e la sicurezza della nostra martroriata Italia.
E’ finito il tempo del dire, ora bisogna che si avvii il percorso del fare.

Tunisi, il museo del Bardo
Tunisi, il museo del Bardo

Print Friendly, PDF & Email