Un Aiello scatenato accusa il sindaco Nicosia e i suoi collaboratori di fatti gravissimi.

Vittoria (RG) 03/09/2015 – Torna a “tuonare” il candidato a sindaco, Francesco Aiello, che tira fuori dal cassetto argomenti di gravità eccezionale, accusando il primo cittadino in carica e i suoi collaboratori, di fatti gravissimi.
In due comunicati stampa inviati agli organi di informazione dal presidente di Azione Democratica, nonché consigliere comunale, Ciccio Aiello,  vengono denunciati “fatti e misfatti”, che se veri, meritano certamente l’attenzione della magistratura.
Non possiamo fare a meno di riferire quanto denunciato, con il beneficio del dubbio, e sin da ora ci dichiariamo disponibili ad accogliere eventuali dichiarazioni, da parte di tutti coloro i quali sono chiamati in causa.
<Per 10 anni la citta’ di Vittoria,è stata mantenuta opportunamente senza strumento efficiente e con i vincoli scaduti.
Alla fine Nicosia la butta sul ridicolo e sul sensazionalismo, in caduta verticale e senza riparo, tenta di associare la partita del sensazionalismo e della spregiudicatezza e prevede  la demolizione di 1300 case entro i 150 metri e la previsione della loro ri-costruzione in terreni “allargati ” di nuovi insediamenti, per 26 mila abitanti.
Una vergogna che dovrebbe fare indignare tutti coloro i quali si sono strappate le vesti per l’abusivismo edilizio.
Lui, Nicosia, vuole l’albergo a ogni costo; lui e il fratello si sono invaghiti degli alberghi, e ricevono proposte che trasmettono all’ufficio, dove il Prg dorme e dove  magari si prepara la elaborata  cucina di modifica  delle norme edilizie e della destinazione urbanistica di vaste aree del territorio.
Anche   di  residenze, come   quelle di   Via Messina che hanno suscitato felicita’ imprenditoriale e speculativa, e prodotto esuberanti  foto con selfie.
Vecchie case di amici con promessa di  intervento risolutore finale,  di Dezio, l’architetto che continua i suoi continui e furiosi sconvolgimenti della normativa edilizia della citta’ di Vittoria.
Non manncano neanche le indebite pressioni mafiose sui consiglieri comunali che hanno approvato una variante milionaria, su terreni ipotecati,  senza avere visto neanche le carte e i documenti di riferimento che non sono mai state presentate in commissione.
Dopo decenni di battaglie politiche e amministrative, finalmente alcuni terreni lottizzati abusivamente, diventano edificabili, solo
alcuni però, quelli che hanno avuto accesso al Palazzo.
Quando la Procura avrà chiarito le cose, vedremo certo questi aspetti emergere alla luce del sole.
Ora Nicosia,  disposto a tutto pur di sopravvivere a se stesso, dopo il tracollo del turismo di Scoglitti e della intera economia vittoriese, ci vorrebbe  raccontare ancora le barzellette di una amministrazione fallita.
Fin qui la prima forte denuncia di Aiello, che immediatamente dopo, lancia strali sull’ultima manifestazione dei giorni scorsi: Fish on the road.
Un falso gastronomico alla base della Fish Road di Scoglitti, il pesce non era di Scoglitti ma veniva dalle celle frigorifere del territorio.
La menzogna di questi amministratori in caduta irreversibile entra anche nelle vicende promozionali del territorio, come il video ” tale’… che bona ! ” che hanno messo in piedi di recente e lanciato sulla Rai. Fantasie oziose, virtualità inesistenti, mentre la realtà è invece la distruzione del turismo di Scoglitti, la dissoluzione di tutti i servizi di base, la cacca nelle strade.
Ora ingannano sulla promozione del pesce di Scoglitti, una bufala colossale, un inganno e un danno di immagine per il borgo marinaro.
Se la manifestazione l’avessero fatta in montagna, sarebbe stata la stessa cosa.
Ma per loro è ok, e si fanno il selfie, con la cacca che tracima alle loro spalle.
Spaghetti gratis, a buon rendere, e dentici hawaiani non calmano gli animi degli scoglittiesi e dei cittadini defraudati del diritto primario della verità…gastronomica di Scoglitti…
Vi auguro di sbambazzarivi prestu….!

Vittoria-Scoglitti 3 Settembre 2015 – Anche in questa denuncia utilizza toni forti, cita per le vie brevi, fatti, circostanze, cose e persone, persone che dichiara di avere incontrato personalmente mentre compravano il pesce per la manifestazione, non dai pescatori della frazione marinara, ma in un noto supermercato.
Anche per questa altra denuncia, ovviamente, siamo pronti ad ospitare repliche, smentite e quant’altro, avendo deciso sin da ora, che il nostro giornale ospiterà tutti coloro i quali vorranno optare per questa opportunità, senza tenere conto di colori, scelte, aggregazioni e ceti, ma nel rispetto della legge vigente, del decoro e della libertà di informazione.

Francesco Aiello
Presidente Azione Democratica
Consigliere Comunale

Print Friendly, PDF & Email