Vittoria di nome sconfitta di fatto. Da oggi si riparte con la passione di sempre

Vittoria, 05/07/2016 – Eccomi, sono di nuovo qui dopo essermi autosospeso nello stesso momento in cui, il candidato sindaco Francesco Aiello, mio amico di sempre, mi ha designato assessore della sua giunta, nel caso in cui fosse stato eletto. Una esperienza straordinaria durata 45 giorni, al fianco di una persona straordinaria, che ringrazio per l’opportunità che mi ha dato.
Per una questione deontologica, ho preferito lasciare temporaneamente il giornale, e per questo mi corre l’obbligo di ringraziare l’editore, Giovanni Maria Spada e la collega Francesca Lucia Bocchieri.
Da oggi si riparte e si riparte con la passione di sempre e la volontà di continuare a mettere a disposizione della città e dei cittadini, una esperienza pluritrentennale. Quale migliore occasione per ripartire, se non quella di occuparmi di fatti gravissimi e “ignorati” che si stanno verificando sotto gli occhi di tutti? Mi riferisco alla discarica illegale che si trova alle porta di Vittoria e che da giorni sta asfissiando con fumi e odori nauseabondi, l’intera comunità; fumi altamente nocivi e dannosi per la salute pubblica, fino a prova contraria.
Un fotografo: Franco Assenza, sempre pronto a denunciare tutto e tutti con i suoi scatti, ha evidenziato un problema che è sotto gli occhi di tutti e di drammatica attualità, ci sarebbe una discarica illegale alle porte di Vittoria, e questa emana nell’aria, sostanze nocive, a meno che qualcuno non dimostri il contrario.
Fin qui quello che sostiene e conferma anche il dottore Fabio Ferreri, stimato e apprezzato professionista, che nel settore non teme confronti, anzi, li cerca per potere dimostrare la sua competenza. Di contro, fino ad ora, solo chiacchiere sui Social, dichiarazioni di intenti, denunce verbali e forze dell’ordine e magistratura, stante a ciò che si legge su Facebook e mai smentite da nessuno, che non solo non intervengono, ma addirittura pare che si rifiutino di inviare mezzi e uomini sul posto.
Si legge pure dell’assessore comunale Nicastro che si è recato nei luoghi che ospitano la discarica, e questo gli fa onore, ma nessuno pensi di lasciare da sola una Amministrazione che si è appena insediata, per poi “scaricare” su questa, responsabilità che certamente non le appartengono.
Di fronte a tutto ciò non si può e non si deve tacere, costi quel che costi; ognuno deve assumere le proprie responsabilità.
Auspichiamo un intervento forte, deciso, concreto e radicale da parte delle autorità competenti.
Se così non dovesse essere, per quanto mi riguarda, continuerò a denunciare fino a quando il problema non sarà risolto.

FOTO FRANCO ASSENZA:

[Best_Wordpress_Gallery id=”30″ gal_title=”00033″]

Print Friendly, PDF & Email