Acate. Documento della locale Camera del Lavoro su soppressione servizi scolastici. Riceviamo e pubblichiamo.

Redazione Due, Acate (Rg), 19 settembre 2016.- La Camera del Lavoro di Acate esprime viva preoccupazione per la soppressione del servizio di scuolabus, del servizio di mensa scolastica e del trasporto agli studenti nel comune di Acate. Il Comune ha, infatti, deciso che per quest’anno il servizio di scuolabus non può essere a carico del Comune, ma a totale carico degli studenti e delle loro famiglie. Il costo per bambino è stato fissato in 5 euro al giorno per un totale di circa 120 euro al mese. Una spesa insostenibile per molte famiglie acatesi. Questo servizio veniva usato anche dalle numerose famiglie di cittadini stranieri che vivono nelle campagne attorno ad Acate. Per quest’ultime non solo con il costo del servizio assolutamente proibitivo e in assenza di alternative concrete si determinerà una sola conseguenza: non manderanno i figli a scuola interrompendo un percorso di integrazione e di crescita che solo la scuola può garantire a questi bambini. La CGIL pensa che il diritto allo studio, sancito dalla nostra Costituzione, debba essere garantito anche ad Acate, nonostante i gravi problemi economici che il Comune sta affrontando. Questo servizio deve ritornare ad essere totalmente gratuito per le famiglie più bisognose. Chiediamo per questo un incontro urgente al Sindaco e alla giunta per trovare assieme il modo di riconfermare i servizi, di fatto, soppressi.

 

Print Friendly, PDF & Email