Lungo Baffo: “Vittoria approva il registro delle colonie feline, mentre la Pentastellata Ragusa ci snobba”

RAGUSA – Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa a firma della Presidentessa Lungo Baffo e Componente Direttivo del Laboratorio politico culturale 2.0, Graziella Musco:

L’associazione animalista Lungo Baffo esprime la sua piena e totale soddisfazione per l’approvazione, in Giunta, del registro delle colonie feline, voluto fortemente dall’assessore  alla Protezione animali di Vittoria, Francesco Cannizzo.
“A soli due mesi  – dichiara Graziella Musco, presidente dell’associazione Lungo Baffo –  da quando presentammo la situazione drammatica dei nostri amici gatti, l’assessore Cannizzo, non ha perso tempo, ha accolto tutte le nostre istanze ed oggi il registro delle colonie feline a Vittoria è una realtà. All’assessore Cannizzo va tutta la nostra gratitudine per la sensibilità, l’efficienza e la professionalità dimostrata in questa vicenda”.
L’istituzione del registro è uno strumento indispensabile per il censimento e il monitoraggio delle colonie, un atto propedeutico per poter assistere sanitariamente i gatti che vivono liberi nel territorio.
“L’approvazione di questo strumento – continua la Musco – è un atto di civiltà nei confronti dei gatti, naturalmente, ma anche nei confronti della città. Un’attenzione, però, che non possiamo registrare nel Comune di Ragusa, dove è addirittura difficile, se non impossibile, ottenere un incontro con l’assessore al ramo, Stefania Campo. Da due anni, ossia da quando questa Amministrazione si è insediata, più volte abbiamo chiesto di esser ricevuti, per presentare le tante criticità e provare a redigere un piano di intervento. Ma questo ci è stato negato. Oggi non possiamo che constatare – conclude la Musco – come l’Amministrazione Nicosia, espressione della tanto vituperata vecchia politica, non solo è attenta alle istanze della società civile, ma riesce pure a farsene carico, a differenza dei Cinque stelle che governano Ragusa, indifferenti, ci dispiace dirlo, a qualunque proposta provenga dal di fuori della loro cerchia di amici”.

Print Friendly, PDF & Email