Confcommercio su dati Istat: speranze di ripresa legate a ripartenza consumi

Roma, 15 ottobre 2014 – “I dati indicano con estrema chiarezza come la ripresa appartenga ancora al futuro e che l’uscita dalla crisi sarà comunque lenta e difficile”. E’ quanto dichiara la Confcommercio in una nota. “Anche perché, con un Pil – continua Confcommercio – che rimane su livelli inferiori a quelli del 2009, e che nel secondo trimestre di quest’anno fa registrare il minimo assoluto della recente storia economica, l’arresto del crollo dei consumi delle famiglie, grazie al ricorso al risparmio, è solo un primo segnale per immaginare una ripartenza dell’economia: questo il commento dell’Ufficio Studi di Confcommercio ai dati Istat di oggi”.
“Ma se si vuole che il processo di ripresa dell’economia si traduca da speranza in realtà – conclude Confcommercio – è necessario che si attuino al più presto le riforme necessarie al paese e che nella prossima Legge di stabilità siano contenute misure per sostenere significativamente il recupero della domanda delle famiglie”.

Print Friendly, PDF & Email