FoccilIo (UIL): Italia paga l’assenza di una politica economica orientata a sostenere la crescita

ROMA – “I dati economici del nostro Paese continuano a essere purtroppo sempre negativi. Ancora una volta si conferma il dato delle importazioni in calo sia rispetto al mese precedente sia in ragione d’anno.
Il nostro Paese continua a pagare l’assenza di una politica economica orientata a promuovere e sostenere la crescita, congiuntamente a un vero smarrimento di una propria politica industriale.
I dati, dunque, confermano che il nostro settore produttivo andrebbe aiutato con misure che favoriscano sviluppo e occupazione. Solo così si può uscire dalla crisi e solo così aumenterà il nostro Pil.
Lo hanno ricordato le 54 piazze in sciopero il 12 dicembre che hanno rivendicato sviluppo e occupazione, miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro e soprattutto una politica economica che favorisca il settore produttivo con un aumento anche della domanda interna, riducendo le tasse su salari e pensioni e rinnovando i contratti“. Lo dichiara Antonio Foccillo, segretario confederale UIL.

Print Friendly, PDF & Email