Giornata fitta di incontri per i Giovani di Confindustria Ragusa

Sabato prossimo, 28 febbraio, il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Ragusa ha organizzato due momenti di studio e di confronto, aperti a tutti gli interessati, su due argomenti di estrema attualità:

Il primo, dalle ore 9.00 alle ore 11.00, tratterà il tema “Per una migliore gestione del rapporto con le banche”, che vedrà il Dr. Francesco Raniolo, responsabile amministrazione e finanza della Plasticontenitor srl, fornire indicazioni pratiche su “Come leggere l’estratto conto bancario” e “Come gestire i fidi e le altre fonti di finanziamento”.
Il secondo, dalle 16.00 alle 18.00, tratterà il tema “Open Data, un’opportunità da cogliere”, che vedrà gli esperti dell’Associazione “Ragusa Digitale”, presieduta dal Dr. Andrea Cannella, illustrare le chance offerte da un trend tecnologico d’avanguardia che coinvolgerà presto e massicciamente sia le Imprese che le Pubbliche Amministrazioni.
“Abbiamo anzitutto considerato – dichiara la Presidente dei Giovani Industriali, Chiara Giombarresi – la necessità di una gestione ottimale del rapporto con le banche e del funzionamento degli strumenti di affidamento e di finanziamento, che giocano significativamente sui problemi di scarsa liquidità generati dalla crisi, e nel contempo abbiamo voluto promuovere la conoscenza sull’opportunità di innovare e investire nel settore dei “dati aperti”, che possono creare valore e avere un impatto positivo sulla vita delle persone e delle imprese”.
“Le nuove tecnologie legate agli open data – aggiunge Chiara Giombarresi – permettono di creare servizi per rispondere automaticamente a varie domande diffuse nell’utenza digitale: molti dati sono prodotti da organismi pubblici, per cui all’incontro abbiamo invitato anche rappresentanti degli Enti locali con cui trovare insieme una via per estrarre il potenziale dei dati ufficiali in loro possesso e rendere così possibili nuovi servizi che migliorino la vita dei cittadini e facciano funzionare in modo più efficiente le amministrazioni e la società civile”.

Print Friendly, PDF & Email