Il Presidente del Cnr, Luigi Nicolais, su risoluzione della VII Commissione -Cultura, scienza e istruzione- del Senato

Roma, 9 ottobre 2014 – “La risoluzione presentata oggi dalla VII Commissione (Cultura, scienza e istruzione) del Senato è un positivo e importante segnale di attenzione istituzionale per la ricerca scientifica”. È quanto dichiara il presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Luigi Nicolais, in riferimento alla odierna presentazione del documento della Commissione, che segue un’attività di indagine e audizioni dei presidenti degli Enti pubblici di ricerca (EPR) avviata nel corso della XVI Legislatura. “I punti di interesse del documento, che accoglie molte delle istanze presentate dagli EPR, sono diversi – prosegue Nicolais -. Innanzitutto l’impegno all’aumento delle risorse che, anche laddove avvenisse in termini percentuali contenuti, potrebbe consentire un significativo aumento del FOE (Fondo ordinario degli enti). A questo si lega l’esigenza dello sblocco del turn over, così da consentire un parallelo incremento delle risorse umane disponibili, per le quali è urgente un piano straordinario. Anche la non meno necessaria semplificazione normativa si inserisce in tale quadro, poiché consentirebbe di superare gli attuali vincoli all’utilizzo di talune risorse. Quanto alla governance, sarebbe auspicabile, per favorire una più incisiva politica per la ricerca, identificare a livello governativo un unico organismo di decisione politica, e a livello di gestione degli strumenti, disporre di un’agenzia. Per rafforzare tale azione di coordinamento, infine, auspichiamo una chiara distinzione tra il comparto ricerca, rappresentato da EPR e Università, e quello dell’istruzione e della formazione”.

Print Friendly, PDF & Email