Jobs act. CGIL: “Controlli su Pc e telefonini anche senza ok lavoratori”

Roma, 18 giugno 2015 –Sui controlli a distanza siamo al colpo di mano. Intanto non è mai stato detto che nel decreto “semplificazioni” sarebbe entrata la norma sul controllo a distanza dei lavoratori, dall’altro il modo in cui è formulato e la relazione illustrativa pongono un punto di arretramento pesante rispetto al precedente art 4 legge 300, cioè che non occorrerà più l’autorizzazione sindacale o delle direzioni territoriali del ministero per l’assegnazione ai lavoratori degli strumenti utilizzati dallo stesso lavoratore per la prestazione lavorativa pur se da questi derivi la possibilità di controllarlo (dal telefono la tablet al pc al gps a qualsiasi strumento che abbia un microchip!).
Non solo daremo battaglia in parlamento, verificheremo con il garante della privacy se ciò è consentibile anche alla luce della raccomandazione del comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, che mira a proteggere la privacy dei lavoratori di fronte ai progressi tecnologici che permettono ai datori di lavoro di raccogliere e conservare ogni tipo di informazione.
In un qualsiasi tribunale italiano si potrà invocare la raccomandazione che prevede limiti ferrei su qualsiasi tipo di controllo operato nei confronti dei dipendenti, sulla raccolta e l’utilizzo di tutti i loro dati personali. Viene cosi stabilito che ai datori di lavoro è vietato usare qualsiasi tecnologia al solo scopo di controllare le attività e i comportamenti dei dipendenti, e degli ambienti in cui operano.
Così come il limite dell’informativa al dipendente dei dati relativi al controllo e videosorveglianza utilizzati ” ad ogni fine” connesso al rapporto di lavoro basti a sancirne l’utilizzo da parte dell’impresa è in contrasto con il principio di riservatezza e della stessa raccomandazione del consiglio d’europa.
Il nuovo statuto dei lavoratori sarà l’occasione nella quale tutelare oltre le previsioni della legge 300 che difenderemo perchè sino ad oggi è stata efficace anche i risvolti derivanti dalla tutela della privacy rispetto ai cambiamenti tecnologici“. E’ quanto dichiara Sorrentino della CGIL.

Print Friendly, PDF & Email