Maurizio Guarino: “Alla carta cultura deve esistere una carta formazione”

ROMA – “Interessante l’iniziativa di una Card con un budget di cinquecento euro per la Cultura dei Docenti”. E’ quanto dichiara il Coordinatore Nazionale CISAL FPC per il Ministero della Salute e Responsabile alla Comunicazione del Movimento Dipendenti Pubblici, Maurizio Guarino, aggiungendo che “da questa iniziativa nasce e si ribadisce un’esigenza più profonda che si chiama Formazione nella Pubblica Amministrazione”. “Più volte ho ribadito – prosegue Guarino – l’esigenza strategica di una Formazione adeguata e mirata per i Dipendenti della PA, quindi chiedo al Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ed al Ministro alla Funzione Pubblica, Marianna Madia, di prevedere anche una Card di Formazione per tutta la PA.”
“Non posso e non voglio credere che qualcuno possa pensare che vi siano parti dello Stato più importanti di altre e quindi creare Dipendenti di serie A e di serie B in un tema delicato quale la Formazione che si traduce in un servizio qualitativamente migliore al cittadino”.
“Già esiste una profonda differenza – sottolinea Guarino – tra i Dipendenti della Repubblica tra chi fa parte degli Organi Costituzionali (Camera, Senato, Quirinale, Presidenza del Consiglio dei Ministri, CSM, Authority) e chi è nei ruoli dello Stato. Differenza che prima o poi sarà ineludibile affrontare con la creazione di un unico Comparto.”
“Si vuole rilanciare veramente la PA? Formazione continua mirata per tutti e Corsi Concorso. Ci sono tanti Colleghi che chiedono di aderire ad un Corso però poi i posti a disposizione sono irrisori a fronte della domanda. Ne sono testimone diretto. Altro che “fannulloni”!. Attraverso la Card Formazione – conclude Guarino – si può consentire la miglioria nel proprio ambito di competenza che le Amministrazioni, al momento, non riescono a ad offrire”.

Print Friendly, PDF & Email