Ragusa. L’augurio degli industriali ragusani al nuovo amministratore delegato Soaco Giorgio Cappello

RAGUSA – Il Presidente di Confindustria Ragusa, Enzo Taverniti, anche a nome del Consiglio Direttivo dell’Associazione e di tutti gli Industriali associati, esprime ampia soddisfazione per la designazione di Giorgio Cappello al ruolo di amministratore delegato della società di gestione dell’Aeroporto “Pio La Torre” di Comiso (SOACO).

“Questo risultato – dichiara Taverniti – costituisce anzitutto riconoscimento delle consolidate capacità imprenditoriali e manageriali di un collega particolarmente apprezzato, anche fuori dalla cerchia degli industriali, per il dinamismo della sua personalità e per lo stile partecipativo, e nel contempo determinato, della sua leadership”.

“Esso giunge altresì – prosegue il Presidente degli industriali ragusani – quale esito meritato di un percorso di rappresentanza delle piccole e medie industrie siciliane nell’ambito confederale (Sicindustria), dove ha saputo svolgere, con prudente equilibrio e rare abilità negoziali, un difficile ruolo di raccordo con i più ampi interessi dell’industria siciliana e di garanzia degli stessi all’interno del sistema economico regionale nel suo complesso”.

“L’incarico a Giorgio Cappello rappresenta anche la volontà dell’industria ragusana di continuare a dare il suo contributo allo sviluppo di una infrastruttura strategica per il territorio, assicurando continuità ai successi conseguiti (1° aeroporto in Italia, nel 2016, per incremento percentuale del flusso passeggeri 2016) e nuove energie al percorso di questi ultimi anni; percorso che deve a mio parere – aggiunge Taverniti – proseguire, con ulteriori e opportuni collegamenti istituzionali e politici, per incrementare le tratte aeree, migliorare i servizi aeroportuali e raggiungere il punto di pareggio in bilancio, nell’ambito di un sistema sinergico aeroportuale Catania-Comiso che è ormai il quarto in Italia per flusso passeggeri dopo Roma, Milano e Venezia”.

Un augurio, quindi a Giorgio Cappello, e un impegno di tutti gli industriali per il futuro dell’Aeroporto e per quello che può derivare al Sud-Est siciliano.

Print Friendly, PDF & Email