Turismo. Dopo l’operazione della Gdf sui B&B non in regola, intervengono Confcommercio e Federalberghi Ragusa

Dopo l’operazione della Gdf sui B&B non in regola intervengono Confcommercio e Federalberghi Ragusa: “Bene il contrasto all’abusivismo. Predisposta la sezione Extra per accogliere le strutture ricettive della tipologia in questione che si riconoscono nel codice etico della federazione”

Il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Enzo Buscemi, e il presidente provinciale di Federalberghi Ragusa, Rosario Dibennardo, esprimono la propria soddisfazione circa l’attenzione che le forze dell’ordine hanno rivolto alle attività turistiche per contrastare il dilagare del fenomeno dell’abusivismo. In particolare, un plauso l’associazione sindacale di categoria intende rivolgere ai vertici del comando provinciale della Guardia di Finanza che, rispondendo alle istanze provenienti da Federalberghi nazionale per porre un freno a questo fenomeno, è intervenuta in maniera capillare, evidenziando la presenza di numerose anomalie. “Una circostanza – sottolinea il presidente Buscemi – che mette in rilievo come ci avevamo visto giusto. Purtroppo, questo gioco al massacro non ci porterà da nessuna parte se non verso un’unica direzione, quella di peggiorare le condizioni complessive del comparto”. Il presidente Dibennardo, dal canto suo, aggiunge: “I controlli e gli interventi delle forze dell’ordine sono necessari a tutela di tutti. Ma la nostra richiesta non vuole essere contro le strutture extra-alberghiere. Anzi, abbiamo avviato una speciale iniziativa, come Federalberghi, per permettere a B&B, case vacanze e a strutture ricettive di questo tipo di associarsi. E’ una occasione da non perdere anche perché viene garantita una particolare tutela sindacale”. “Negli ultimi tempi – è scritto nel documento che Federalberghi ha inviato a numerose realtà presenti sul territorio ibleo – il mercato è stato invaso da migliaia di strutture che vendono alloggi, con varie modalità e sotto diverse etichette. Alcuni esercitano l’attività ricettiva nel rispetto delle regole. Altri gestiscono strutture fantasma che competono slealmente e arrecano danni tanto alle imprese di tipo tradizionale quanto a coloro che gestiscono correttamente le nuove forme di accoglienza. La nostra associazione ha intrapreso una battaglia contro tutti coloro che gestiscono attività ricettive adottando mezzi e comportamenti illeciti”. Ecco perché è nata all’interno di Federalberghi una sezione denominata “Extra” che raggruppa le attività ricettive extra alberghiere che si riconoscono nel codice etico della federazione e che si impegnano a mantenere un comportamento rispettoso delle leggi e dei contratti.

Rosario Dibennardo
Print Friendly, PDF & Email