Vittoria. Aggressione a un agente della polizia locale, l’Ascom plaude all’azione repressiva dei vigili urbani e dei carabinieri

L’aggressione di un vigile urbano a Scoglitti da parte di un ambulante abusivo durante un controllo annonario. Il presidente della sezione Ascom Marchese: “Un plauso all’azione repressiva della polizia locale e dei carabinieri. La questione abusivismo sta rischiando di sfuggire di mano”

VITTORIA – “Un agente della polizia municipale di Vittoria aggredito durante un normale controllo annonario a Scoglitti. Prima o poi, il fattaccio doveva succedere, vale a dire l’aggressione all’agente, nel corso dell’adempimento del proprio dovere. Negli anni gli abusivi hanno totalmente “inquinato” la vita sociale e commerciale della città. Questa, forse, è la dimostrazione che la polizia municipale vuole riprendersi il controllo del territorio”. E’ quanto dichiara il presidente della sezione Ascom di Vittoria, Luigi Marchese, il quale aggiunge: “Autore dell’aggressione un pseudo-ambulante senza alcuna autorizzazione che vendeva prodotti ortofrutticoli, di cui non si conosce la provenienza e la salubrità. Un pericolo per la salute dei consumatori. L’uomo alla richiesta di esibizione dei documenti e delle autorizzazioni ha urlato e si è scagliato contro gli agenti. Risolutivo l’intervento dei carabinieri che lo hanno ammanettato. L’azione del pseudo-ambulante fa intendere che molti non hanno nessun rispetto per la divisa. Confcommercio comunale di Vittoria plaude all’azione repressiva della polizia municipale e dell’Arma ed auspica che azioni di controllo e di repressione siano effettuate su tutto il territorio comunale. Non si può più tollerare la presenza di ambulanti ad ogni angolo, ad ogni incrocio viario della città, una situazione del genere non è ammissibile. Per troppo tempo i commercianti regolari hanno subito l’abusivismo e l’assoluta assenza di controlli. L’aggressione di Scoglitti evidenzia lo scarso rispetto delle istituzioni da parte della maggioranza degli abusivi. Confcommercio comunale di Vittoria si augura che l’inversione di tendenza sia avvenuta e che la legalità ritorni a Vittoria”.

Print Friendly, PDF & Email