CAMPIONATO MONDIALE DELLA PIZZA

Un esperienza in più da raccontare. Perchè  ciò che dobbiamo imparare a fare lo impariamo facendo.  Un risultato importante con un piazzamento tra i primi 25 pizzaioli al mondo nella specialità pizza tonda e in pala. I pizzaioli ragusani rientrano dal campionato mondiale di pizza, al Palacassa di Parma, con la consapevolezza di avere fatto bene. Un appuntamento da non perdere per tanti appassionati ed esperti del settore che hanno avuto modo di apprezzare le perfomance di tanti professionisti del settore. I pizzaioli ragusani (Salvatore Articolo, Giovanni Tidona, Massimiliano Cannizzo, Giuseppe Amarù, Michele Pisana) hanno  sfidato, nelle  postazioni di cottura della manifestazione, pizzaioli americani, spagnoli, orientali, russi, tedeschi, francesi, mediorientali e soprattutto italiani per celebrare con il loro impegno e la loro simpatia il piatto italiano più apprezzato al mondo. “Torniamo da Parma con un’unica certezza di avere fatto bene in una competizione difficilissima – spiega Salvatore Articolo – con tanti bravi colleghi provenienti da ogni parte del mondo. I giudici, durante la valutazione delle nostre pizze, hanno apprezzato non solo la qualità delle farine utilizzate per gli impasti ma anche la genuinità dei nostri ingredienti”.Prodotti rigorosamente del territorio ragusano: la stracciatella di bufala dell’azienda Bubalus, il lacerto del macellaio ragusano Giuseppe Mallia, la mozzarella vaccina dell’azienda Latterie riunite, il pomodoro di Pachino, le arance siciliane, il coniglio selvatico, il prosciutto porchettato arrosto. Le farine bio utilizzate sono dell’azienda Molino Grassi. Il Campionato Mondiale della Pizza raccoglie ogni anno le tendenze del mondo pizza, fotografando i trend e i gusti di un settore che muove sempre più interesse e curiosità attorno a sè. Per questo motivo i pizzaioli in gara possono scegliere di partecipare ad una o più delle specialità in programma.
Marcello Digrandi

Print Friendly, PDF & Email