Catania. Giornate con non vedenti e ipovedenti in escursione sull’Etna

Nei giorni scorsi, i militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi (CT) hanno accompagnato sull’Etna un gruppo di alpinisti composto da non vedenti e ipovedenti, provenienti da ogni parte d’Italia, consentendo loro di apprezzare le meraviglie naturali del vulcano siciliano. Gli escursionisti fanno tutti parte dell’associazione SportAbili onlus (tra i cui soci fondatori è presente la Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo) che ha lo scopo di avviare e sostenere all’esercizio di attività sportive le persone con qualsiasi tipo e grado di disabilità.
In tale contesto, i finanzieri del S.A.G.F., nelle tre giornate programmate, hanno assistito quattro disabili e le relative famiglie in alcune escursioni sviluppate sui pendii del vulcano attivo più alto d’Europa. Gli specialisti delle Fiamme Gialle, attraverso una costante presenza e il ricorso alle necessarie tecniche di sicurezza, hanno consentito loro di affrontare i bellissimi percorsi che si inerpicano sulla montagna e di far vivere da vicino lo spettacolo eruttivo offerto dall’Etna in questi ultimi giorni.
Tra le uscite effettuate, i militari del S.A.G.F. hanno guidato gli ospiti presso il Parco dell’Etna, lungo il “sentiero del germoplasma”, attrezzato con targhe esplicative predisposte con il sistema Braille che permettono ai non vedenti di accedere alle informazioni del particolare contesto ambientale in cui si ritrovano.
Non è mancata un’escursione sul crinale della valle del Bove, versante occidentale, per ascoltare e sentire il calore della colata lavica in discesa dall’area sommitale per l’evento eruttivo del 21 maggio scorso.
Grande apprezzamento è stato espresso dalle persone assistite, dai loro familiari e dall’associazione SportAbili per la magnifica esperienza vissuta sull’Etna e per la generosa e professionale opera prestata dagli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi.

Print Friendly, PDF & Email