Celebrata anche a Canicattini Bagni (Sr) la ricorrenza del 4 Novembre

Canicattini Bagni, 4 novembre 2014 – Celebrata stamani a Canicattini Bagni la ricorrenza del 4 Novembre e ricordato il sacrificio delle Forze Armate per garantire Sicurezza, Pace e Libertà. È stato il Vice Sindaco Salvatore La Rosa, essendo il Sindaco Paolo Amenta impegnato fuori città in un importante convegno sullo sviluppo del territorio nella sua veste di Vice Presidente di AnciSicilia,  a presenziare alla cerimonia, prima in Chiesa Madre e poi alla Villa comunale, assieme agli Assessori Marilena Miceli e Salvatore Petrolito, al Presidente del Consiglio comunale, Antonino Zocco, al Presidente del Centro Diurno Anziani e Assessore all’Unione dei Comuni, Emanuele Tringali e ai Consiglieri comunali. Con loro anche il Comandante della Polizia Municipale, Giuseppe Casella, il Comandante della Stazione dei Carabinieri, maresciallo Sebastiano Pappalardo, l’Associazione Carabinieri in Congedo presieduta dal maresciallo luogotenente Francesco Cianci che ha letto la preghiera del Carabiniere, le Associazioni d’Armi, Reduci e Combattenti, il Centro Anziani, la Protezione Civile, i bambini delle Scuole Elementari con i loro insegnanti e tanti cittadini. Dopo la Santa Messa celebrata in Chiesa Madre da don Sebastiano Ferla, in corteo, con in testa la Banda Musicale “Città di Canicattini Bagni”, si è raggiunta la Villa comunale dove è stata deposta una corona d’alloro ai piedi del monumento dei Caduti, in ricordo di tutte le vittime delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine. «Uomini e donne – ha detto il Vice Sindaco Salvatore La Rosa, portando il saluto del Sindaco Paolo Amenta – che hanno sacrificato la propria vita per garantire la Libertà e la Sicurezza del nostro Paese e di tutti noi. Ma soprattutto per garantire la Pace. Ancora oggi, le nostre Forze Armate e le nostre Forze dell’Ordine, sempre a fianco dei cittadini, custodi fedeli dei principi della nostra Costituzione, operano per questo. Ed operano anche per garantire quello spirito solidale del nostro Paese, come con Mare Nostrum, o fuori dai nostri confini, nel mondo, nelle aree più critiche, per garantire due valori irrinunciabile: la Pace e la Libertà. Questa mattina, qui davanti al monumento ai Caduti che ricorda il martirio di tanti uomini e donne, sono presenti tanti bambini, la futura società della nostra città e del Paese, a loro bisogna trasferire questi valori, Pace e Libertà, affinché su questi valori costruiscono il futuro e ne siano altrettanto fedeli custodi». A chiudere la cerimonia l’Inno di Mameli suonato dalla Banda Musicale “Città di Canicattini Bagni” e cantato dai presenti e dai bambini con le loro bandierine tricolori.

  

 

Print Friendly, PDF & Email