Comiso. Un successo le Giornate dell’Infanzia e dell’Adolescenza kasmenee

Lo staff del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Comiso a disposizione di scuola e famiglia

Comiso, 23 novembre 2015 – Sono state delle giornate intense e ricche di significato quelle del 20 e il 21 novembre per lo staff del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Comiso. Appuntamenti che sono serviti ad incontrare le scuole e i bambini, i giovani, ma anche per pianificare quelli che saranno i progetti e le azioni da mettere in campo a sostegno proprio dei più piccoli, dei minori.

Giorno 20, in occasione della giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, presso la Sala Esperia di Pedalino si è tenuto il Consiglio Comunale aperto per la celebrazione della ventiseiesima Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e la presentazione del neo eletto Consiglio comunale dei ragazzi. Numerosa la partecipazione degli scolari e degli studenti delle scuole di Pedalino e Comiso accompagnati dai docenti. Molti i genitori e i nonni presenti nella sala. Ad intervenire sono stati il sindaco Filippo Spataro, il presidente del Consiglio comunale Luigi Bellassai, il vicesindaco Gaetano Gaglio, il Garante dei diritti dell’infanzia di Comiso Calogero Termini, l’on.le Giuseppe Di Giacomo, l’assessore Bonetta del Comune di Vittoria, il neo baby sindaco Noemi Campanotta. Hanno declamato brani sulla tematica dei diritti dell’infanzia gli allievi del Laboratorio Teatrale Kreatimondo. Nel pomeriggio il team del Garante ha preso parte alla presentazione del Progetto Ascolto presso l’Istituto Comprensivo G. Verga di Comiso, progetto sostenuto dal Kiwanis Club Kasmeneo, presentato dalle pedagogiste Ballarino e Cubisino. Il Garante, dott. Calogero Termini è intervenuto sulla tematica inerente l’art. 12 della Convenzione ONU sui diritti dei bambini che riguarda specificatamente il ‘diritto all’ascolto. La dirigente scolastica prof.ssa Maria Giovanna Lauretta ha ringraziato le autorità presenti, il sindaco Spataro, il presidente del Consiglio Comunale Bellassai, il vicesindaco Gaglio. I bambini e i ragazzi hanno concluso la serata con recite di poesie e canti. Nello stesso giorno il Garante ha anche incontrato gli operatori e i ragazzi dell’associazione Noi con Voi insieme, nei locali dell’inaugurando Centro Diurno per minori.

Giorno 21, invece, il Garante ha incontrato gli scolari delle quinte classi elementari del plesso scolastico De Amicis, alla presenza del sindaco Spataro, del vicesindaco Gaglio, del presidente del Consiglio comunale Bellassai, del provveditore agli studi Criscione. La Dirigente Scolastica Daniela Mercante ha illustrato le finalità dell’incontro. Numerosi gli interventi delle autorità intervenute. A concludere la mattinata i canti eseguiti dagli scolari e la proiezione di un filmato realizzato con i disegni eseguiti dagli stessi. A seguire l’incontro con i numerosi genitori degli scolari, durante il quale il Garante Termini ha presentato alcuni componenti del suo team, la Dr.ssa Inguì psicologa, la dr.ssa Flaccavento, medico di famiglia e ginecologa, la sig.ra Vaccaro dell’associazione Noi con voi Insieme, l’avv.Di Pasquale, il dr. Bocchieri medico dello sport. Il team del Garante ha anche incontrato un gruppo di volontari che assiste i ragazzi appartenenti anche alle comunità di immigrati per le attività di supporto scolastico presso i locali messi a disposizione dalla Chiesa di S.Francesco all’Immacolata. Durante l’incontro, organizzato dal Kiwanis Club Kasmeneo, è stato consegnato materiale didattico e una lavagna murale. “Ringrazio –dichiara il dott. Termini- le scuole e tutti coloro che ci hanno invitati a partecipare alle manifestazioni che hanno avuto come protagonisti i giovani. L’importanza di progetti ed eventi come questi sta proprio nella volontà di mettere al centro della società i minori che non sono solo il nostro futuro ma soprattutto il nostro presente. Lo staff del Garante è a disposizione dei giovani e delle famiglie che ne hanno bisogno al fine di poter sostenere al meglio l’istituzione più importante che è proprio la famiglia. Ringrazio –conclude il Garante- soprattutto i giovani che si mettono in gioco e fanno del loro meglio per rendere questo mondo migliore, e ci riescono, anche affrontando temi delicati quali quelli della discriminazione sociale, del cyber bullismo, dell’emarginazione. Ci danno sempre spunti nuovi e fondamentali per portare avanti la nostra missione”.

Print Friendly, PDF & Email