Domenica ultimo appuntamento al Piccolo della Badia per la rassegna “Ragusa Ride” con “U paraninfu” di Luigi Capuana

DOMENICA ULTIMO APPUNTAMENTO AL PICCOLO DELLA BADIA CON LA RASSEGNA “RAGUSA RIDE”. IL TEATRO DEL PERO DI COMISO PORTERA’ IN SCENA “U PARANINFU” DI LUIGI CAPUANA

RAGUSA – Non solo una commedia per ridere, ma anche per riflettere: questo il senso del grande capolavoro del “filosofo del verismo” che sarà portato in scena domenica 9 aprile, alle 19,30. E’ l’ultimo appuntamento della rassegna “Ragusa Ride” proposta al Piccolo teatro della Badia di corso Italia 103 dall’associazione culturale Palco Uno con la direzione artistica di Maurizio Nicastro. A rappresentare “U paraninfu”, commedia dialettale in due atti, scritta da Luigi Capuana, con la regia di Giampaolo Romania, sarà il Teatro del Pero di Comiso. “U paraninfo” è il racconto sociologico della vita di una “comunità semplice”, popolare, caratterizzata da morali e molto chiare regole. Il matrimonio, segno distintivo per l’ingresso soprattutto della donna nella società, era regolato dal principio del buon partito. E per incrociarsi i buoni partiti necessitano di un “incrociatore” che li conosca tutti e ne permetta l’unione. Questo il ruolo del paraninfo, del mediatore, ‘do sinsali’, “dell’incrociatore di anime”, in una società nella quale i matrimoni erano soprattutto combinati: ma in quelli composti dall’ex finanziere don Pasquale deve primeggiare il “sentimento sull’interesse”, la sensalia è per lui una “missione”, che gli procura però più guai che gratitudini dato la frequenza degli scioglimenti anticipati. La “missione” che questa volta il protagonista si pone è quella di trovare due mariti a due signorine, le “sorelle Matamè”, molto ricche, ma doppiamente brutte, piene di storpiature e sempre vestite di nero. La “favola” della narrazione, che attraversa paradossi e tragedie divertenti, si conclude nella maturazione delle donne che “abbissate” e con l’abito bianco divengono a pieno titolo quel buon partito tanto ricercato dai baldanzosi giovani di ogni tempo. “E’ una commedia giocosa – afferma Maurizio Nicastro – ricca di momenti particolari e di parlate comiche, che non mancheranno di suscitare l’attenzione del pubblico. Siamo pronti a chiudere la nostra rassegna con un vero e proprio capolavoro del teatro comico siciliano che, ne siamo certi, la compagnia comisana riuscirà a rendere al meglio. Quindi, una rappresentazione assolutamente da non perdere per tutti gli appassionati. E non solo”.


La compagnia del Teatro del Pero con Maurizio Nicastro
Print Friendly, PDF & Email