I ART: tutto esaurito a Catania per le quattro repliche di “Balconi in cornice”, la performance di Guglielmo Ferro per I ART

Declinato in versi, immagini, canzoni e pensieri è di scena il sogno: il futuro del Sud e della Sicilia

Catania, 21 settembre 2015 – A vederla così grande, proiettata sulla facciata interna di Palazzo degli Elefanti, a Catania, l’immagine immensa del pianeta Terra ha reso un po’ tutti astronauti, nelle due sere di “Balconi in Cornice”, lo spettacolo diretto da Guglielmo Ferro per I ART a Catania: piccoli, avvolti nel buio, l’espressione stupefatta di chi il mondo sembra osservarlo per la prima volta e la meraviglia di poterlo contenere tutto in uno sguardo, senza limiti, come accade solo agli esploratori in missione nello spazio.
Sul palco, a introdurre la performance – di scena sabato e domenica scorsi, con posti esauriti nelle quattro repliche – erano Umberto Guidoni, il primo astronauta europeo a viaggiare nello spazio. Quindi gli interventi musicali di Simona Di Gregorio, Rita Botto e, in chiusura, Mario Venuti. La compagnia di danza Mnai’s, gli attori Franco Oppini e Barbara Giordano che hanno portato sulla scena monologhi di Ottavio Cappellani e Sergio Claudio Perroni. Scelti dalla scrittrice Margareth Mazzantini i brani per le proiezioni in videomapping, suggestiva “scenografia concettuale” integrata da interventi ispirati all’arte dei futuristi Boccioni, Prampolini e Balla a cura di Luca Orazio Pulvirenti. Musiche di Massimiliano Pace.
“Balconi in cornice”, a cura dell’associazione Gesti, ha chiuso il sipario sul cartellone del Festival I ART, il grande contenitore con oltre 120 eventi multidisciplinari e gratuiti che si è svolto lungo tutta l’estate, da maggio a settembre, in giro per la Sicilia. Il Festival I ART fa parte dell’omonimo progetto comunitario ideato e diretto da I World e con il Comune di Catania ente capofila.

Print Friendly, PDF & Email