I giovani protagonisti di “A Tutto Volume – Ragusa” attraverso il proprio spirito di volontariato

I RAGAZZI DI YOUPOLIS E NAMASTE’ TRA I VOLONTARI DI “A TUTTO VOLUME”. ANCORA UNA VOLTA, GIOVANI LEVE AL SERVIZIO DI UNA DELLE PIU’ IMPORTANTI MANIFESTAZIONI DELL’AREA

RAGUSA – Dare una mano concreta e costante per tre giorni unici e speciali, tra cultura e tanto entusiasmo. E’ il compito che durante i tre giorni di “A tutto Volume – Libri in festa a Ragusa” è stato svolto dai ragazzi dei laboratori di Ragusa e Chiaramonte dell’associazione Youpolis Sicilia e dalle ragazze dell’Associazione Namastè.
Per il terzo anno consecutivo nel caso di Youpolis, e per la prima volta per le ragazze di Namastè, i volontari delle due associazioni – insieme agli studenti del liceo linguistico G.B. Vico – si sono occupati del volantinaggio, dell’infopoint e hanno collaborato con l’ufficio stampa MediaLive per ciò che riguarda i social media. I giovani hanno fornito i contenuti ai giornalisti dell’ufficio stampa che li hanno filtrati e opportunamente modificati per postarli su facebook e twitter. Protagonisti ragazzi tra i 18 e i 27 anni che hanno operato sotto il coordinamento giornalisti in modo da permettere al vasto pubblico della rete di conoscere il valore culturale di un festival che in sette anni è cresciuto ed è riuscito a coinvolgere una parte sempre più ampia della popolazione dell’area iblea e delle zone limitrofe, attirando anche l’attenzione a livello nazionale.
Le cose da fare erano tante e tali che, nei fatti, i volontari hanno corso un po’ da una parte all’altra del centro storico di Ragusa Superiore e di Ibla per reperire materiale, fornire informazioni e aiutare nel preparare le piazze. Tuttavia tale lavoro è stato svolto con grande soddisfazione, e se in alcuni casi i volontari sacrificavano l’interesse personale di seguire uno specifico autore a cui tenevano, dall’altro erano consapevoli di dare una mano al corretto svolgimento di un evento che una volta all’anno rivitalizza Ragusa, ripopola il centro storico, crea occasioni di confronto e di crescita culturale per tutti i cittadini, favorisce il turismo e mette in risalto l’architettura barocca che fa da sfondo al festival e lo valorizza. I giovani delle due associazioni hanno condiviso queste particolari ore con alcune dirette Facebook e diversi album fotografici che sui social raccontano momenti di impegno ma anche tanto divertimento.

Print Friendly, PDF & Email