I presepi di Caltagirone nelle basi catanesi di Maristaeli e Sigonella

CALTAGIRONE – Accogliendo l’invito da parte del prof. Giuseppe Conte, presidente della FCGT – Team Italia, organizzatrice della manifestazione, l’associazione culturale Terra Erea ha accettato di aderire come partner al progetto “Le Ali della Pace” in collaborazione con il Comando Aeroporto e il 41° Stormo Antisom dell’Aeronautica Militare di Sigonella dove sono stati allestiti dei presepi artistici. I presepi esposti nella Base Aerea di Sigonella del prof. Vincenzo Forgia si richiamano alla tradizione calatina e non solo: un presepe ispirato alla Chiesa del Collegio di Caltagirone con figurine popolari inserite nelle nicchie del prospetto; un presepe con figurine piccole e sfondo in cui sono raffigurati i quattro elementi; una Natività inserita in un fiasco in stile settecentesco, una Sacra Famiglia – Offerta del Bambin Gesù a Dio Padre Creatore.
Il Comandante della Base Aerea di Sigonella, Colonnello Pilota Vincenzo Sicuso, ha particolarmente lodato gli organizzatori per l’iniziativa e si è detto molto “felice di accogliere in Base tanta minuziosa originalità, univoca testimonianza della vera essenza del Natale e della Famiglia in un periodo storico in cui il rispetto e l’armonia di certe tradizioni spesso vengono trascurati”.
La Stazione Elicotteri di Catania, da sempre vicina alle realtà educative del territorio e decisa ad impegnarsi, in piena sintonia con i valori  della Marina Militare, nell’orientamento dei ragazzi delle scuole verso lo sviluppo della sensibilità responsabile nei confronti della solidarietà, della cultura, della collaborazione e del lavoro di squadra, ha accolto con entusiasmo, il Maestro d’arte Vincenzo Forgia e l’associazione culturale Terra Erea, la richiesta degli studenti dell’I.I.S. “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di Caltagirone, partner della FCGT – Team Italia, di poter allestire, all’interno della base, alcuni pregevoli presepi realizzati proprio dallo stesso illustre ceramista: una Sacra Famiglia; una Natività; un vaso a forma di cratere con Natività ed una Maternità con pastori in adorazione oltre all’opera Forme Ascensionali.
Gli studenti, accolti dal Comandante, Capitano di Vascello Renato Micheletti, e coordinati dalla Preside, dott.ssa Antonina Satariano, hanno così potuto cimentarsi in uno squisito momento d’arte che gli ha consentito anche di apprendere nozioni sulle particolari ed elaborate tecniche di realizzazione delle opere messe in mostra. Salutando i ragazzi, il comandante Micheletti, ha voluto sottolineare come  “la concretizzazione, nel limite del possibile, di azioni formative, congiunte e coinvolgenti che mirino ad investire nella scuola per generare una attenzione culturale ed una conoscenza consapevole e mirata alle opportunità offerte anche dal mondo delle istituzioni è l’obiettivo che ognuno di noi ha il dovere di perseguire”.
Il messaggio di questo progetto intende proprio superare i confini degli Stati e proiettarsi in un palcoscenico più grande: “Le Ali della Pace devono essere spiegate e spingere in alto il messaggio – spiega prof. Giuseppe Conte, presidente della FCGT – Team Italia -, superando l’egoismo umano con l’obiettivo di unire tutti in un’unica azione, confermando che il mondo è un solo paese e l’umanità i suoi cittadini”.
“Ringrazio i Comandi di Sigonella e di Maristaeli e la FCGT – Team Italia, per averci dato la possibilità di promuovere, presso le loro basi – sottolinea Omar Gelsomino, presidente dell’associazione culturale Terra Erea – la tradizione presepistica calatina e della nostra città aderendo a questo importante progetto, nonché la prof.ssa Emanuela Italia e la dott.ssa Antonina Satariano per il coinvolgimento attivo dei suoi studenti”.

Print Friendly, PDF & Email