Il progetto fotografico esistenziale di Settimio Benedusi in mostra dal 2 al 12 dicembre alla Leica Galerie Milano

In programma una serata speciale per il vernissage con la presentazione del nuovo numero di EYESOPEN! dedicato al lavoro inedito del fotografo milanese

«La presenza dell’assenza.
È la presenza di qualcosa che non esiste più a dare la più grande sofferenza, ciò che il tempo avrebbe poi fatto.
Infatti è la perdita ciò che fa più soffrire.
Il piccolo Settimio non ha più il sostegno del padre.
Le parti annullate hanno un sapore di mistero.
E polvere ritornerai».
Gian Paolo Barbieri

Milano, 23 novembre 2015 – Nelle parole dell’amico e maestro Gian Paolo Barbieri è racchiuso il significato del progetto fotografico di Settimio Benedusi, ES_SENZA, che, mercoledì 2 dicembre 2015 alle ore 18.30, si inaugura presso la Leica Galerie Milano in via Mengoni 4 (angolo Piazza Duomo).

Una serata d’eccezione per mostrare il lavoro, doloroso e allo stesso tempo catartico, del fotografo ligure naturalizzato milanese. Contestualmente sarà presentato il nuovo numero di EYESOPEN!, il magazine dedicato alla cultura fotografica e alle nuove tendenze di settore.

Il progetto di Settimio Benedusi, tra i maestri più apprezzati della fotografia pubblicitaria e di moda, nasce proprio dall’immagine che troviamo sulla copertina del magazine: una fotografia che immortala il fotografo e la madre ottantanovenne nella loro nudità, e che rappresenta sia il manifesto che il punto di partenza dell’intero lavoro. L’immagine, scattata per celebrare l’anniversario della morte del padre, Marsilio Benedusi, vuole spingersi oltre l’apparenza e, attraverso il mezzo fotografico, evocare l’esperienza della perdita che tutti accomuna, e il senso di abbandono e “nudità” provocato dalla mancanza.

Questa immagine ha poi dato vita ad un progetto esistenziale e liberatorio che ha spinto Benedusi a raccogliere le fotografie più significative della propria infanzia, quelle che lo ritraggono in compagnia dei genitori, lavorandole con Photshop fino ad andare a rimuovere l’immagine del padre e lasciando solo quella di sé stesso bambino, felice e inconsapevole, con l’obiettivo di trasmettere una sensazione di apparente serenità ma in realtà di solitudine e spaesamento.

L’esposizione alla Leica Galerie Milano non è quindi solo una mostra ma un viaggio emotivo attraverso immagini fortemente evocative (8 fotografie doppie, con e senza la figura paterna) che si conclude con l’autoritratto dell’autore con la madre.

Per l’occasione sarà realizzato un allestimento speciale: una stanza nera, lunga e stretta, che costringerà il visitatore a un percorso emozionale e catartico.

L’inaugurazione del progetto di Settimio Benedusi si svolgerà mercoledì 2 dicembre al Leica Store & Galerie Milano in occasione della presentazione del nuovo numero di EYESOPEN! dedicato al tema dell’Assenza.

Print Friendly, PDF & Email