L’Anteprima della 20a edizione del Premio “Ragusani nel Mondo” una grande kermesse di giovani artisti

Sebastiano D’Angelo*

Ragusa, 12 ottobre 2014 – E’ passata un po’ in sordina una delle piu’ belle serate dell’estate ragusana, coperta mediaticamente dai clamori del Premio Ragusani nel Mondo, e poi finita improvvidamente sotto la scure critica di alcuni esponenti dell’opposizione al Consiglio Comunale, sicuramente  condizionata  da una carente conoscenza della qualità e dello spessore della manifestazione. Andando nel dettaglio, la XX edizione del Premio Ragusani nel Mondo, proprio per il suo carattere celebrativo, ha quest’anno presentato  alla vigilia della manifestazione una speciale anteprima,che si è rivelata una eccezionale kermesse artistica, con una selezione di giovani artisti iblei mai visti finora insieme sullo stesso palco. Imponente la location , la stessa della serata successiva, con una platea di 1.500 spettatori entusiasti ed interessati  fino a tarda notte ,  per una manifestazione che si  consegna ai ricordi dell’estate ragusana come uno dei eventi piu’ importanti, Premio del 2 agosto a parte, se non il piu’ prestigioso. Una unica,sensazionale e inedita  parata di artisti iblei. Cosa accredita la sensazione di aver vissuto una straordinaria pagina di spettacolo? Semplice. Oltre alla location, alla sceneggiatura, all’organizzazione dell’evento, sicuramente i nomi degli artisti, dal maestro Peppe Arezzo con la sua orchestra alla Band emergente dell’Onorata Società, da due ballerini vittoriesi conclamate star a livello europeo, Ermanno Sbezzi e Giovanni Insaudo, alle scuole di danza del Masd con Emanuela Curcio e della Mila Plavsic di Rita Gurrieri e Vladan Jovanovic. Ancora ben 4 Premi speciali delle precedenti edizioni del Premio Ragusani nel Mondo, dal tenore Lorenza Licitra alla cantante Rachele Amenta, affermatissimi in patria e negli States, ai protagonisti di Ti lascio una canzone di qualche anno fa, il ragusano Luigi fronte e il vittoriese Mario Scucces. Da segnalare ancora  la giovane e brava vantante chiaramontana Giuliana Cascone, passata dalla Rai di “Ti lascio una canzone” a Mediaset con “ Io canto  , la show girl vittoriese Erika iacono, apprezzata anche la sera successiva del Premio, che vanta  prestigiose esperienze artistiche al fianco di Gigi Proietti e Massimo Ranieri, i bravissimi talenti della recitazione Massimo Leggio e Giovanni Arezzo, quest’ultimo interprete rep in un indimentabile “ Minghia  sig. Tenente “, omaggio a Faletti, la banda dei tamburi di Giarratana , con le sue rombanti sonorità, una band emergente come i Tiempu Piersu, l’altre giovane cantante Sandra Burgio, il cantautore Stefano Ammendola  , in uno sfavillio di sonorità e di arte che ha creato un varietà scintillante e unico nel suo genere. C’e’ mai stato in Provincia un varietà con la presenza contemporanea di tanti artisti iblei? Sicuramente la risposta è negativa, senza dimenticare  che la serata , condotta con la consueta bravura da Caterina Gurrieri, ha visto anche la consegna del Premio Città di Ragusa da parte del sindaco Federico Piccitto e dell’assessore Stefania Campo al vincitore Peppe  Arezzo. E prima ancora dell’esibizione degli artisti altri ospiti giovani, come gli Judoki della Basaki con il maestro Salvo Baglieri, il regista Raffaele Romano, di cui proprio in questi giorni è uscito nelle sale il primo film “ Bicth”,il funambolico ed estroso Andrea Caschetto, che  ha portato la sua esperienza di giramondo, e infine una rappresentanza della Youpolis di Ragusa e della ShineRecords, guidata da Simone Di Grandi e Giovanni Dall’o’ , a ricordarci che esiste una ventata di nuova gioventù a Ragusa vivace, propositiva e pronta a scommettersi per un ricambio della classe generazionaleStupisce profondamente che qualcuno abbia sollevato dubbi  contro una simile parata di giovani stelle, e che la stessa Amministrazione Comunale di Ragusa, che pur lodevolmente ha sostenuto la manifestazione, si sia dimenticata  di evidenziarla e esaltarla nel bilancio conclusivo dell’estate ragusana. L’unico neo della manifestazione è stato forse quello di posta proprio a ridosso del Premio Ragusani nel Mondo, senza tempo necessario per   brillare di luce propria, ma di sicuro è stata  tracciata una strada virtuosa, dando l’ennesima conferma di  come l’area iblea sia terreno fertile per l’esplosione di giovani talenti nel canto, nella danza, nella musica e nella recitazione, e che ad ognuno possono schiudersi spiragli di successo, come avvenuto per altri ragusani  al momento sicuramente  piu’ fortunati seppur ugualmente bravi. L’Associazione Ragusani nel Mondo, da tempo attenta alla promozione delle risorse locali, riproporrà una analoga kermesse nel corso della prossima estate, se le Istituzioni sapranno sostenerla e valorizzarla, convinta che possa esser una delle vie maestre nel percorso di   valorizzazione delle risorse artistiche locali.

*Direttore Ass. Ragusani nel Mondo

01082014-_GFX3084
Il sindaco Piccitto, Caterina Gurrieri e Sebastiano D’Angelo
Print Friendly, PDF & Email