Le “stelle” in Vaticano per la giornata internazionale della danza

Carla Fracci, Elisabetta Terabust, Luigi Bonino, Luciana Savignano, Eleonora Abbagnato, Amedeo Amodio, Anna Cuocolo, Susanna Egri, Laura Comi, Gaia Straccamore e altri artisti

ACCOLTE DAL SANTO PADRE DURANTE L’UDIENZA DEL PROSSIMO 26 APRILE

Il Maestro Alberto Testa, coreografo, storico e critico di danza, decano della cultura coreutica in Italia, si è rivolto al Santo Padre affinché in occasione della “Giornata Internazionale della Danza”, promossa nel 1982 dall’Unesco il 29 aprile di ogni anno, una delegazione di esponenti dell’Arte della Danza sia ricevuta durante l’udienza del 26 aprile da Papa Francesco.
Alberto Testa ha sentito la necessità, mossa da un sentimento profondo, di fare partecipe il Santo Padre Papa Francesco, che la danza appartiene allo spirito, è essa stessa trasfigurazione, elevazione, trascendenza, propensione verso l’Assoluto.
La sua richiesta è stata accolta con piacere dal Santo Padre e pertanto il Maestro si farà egli stesso messaggero di questo anelito con una delegazione, una trentina di esponenti di spicco di quest’Arte sublime, composta da diversi artisti, critici e storici, da coreografi ed étoiles che egli stesso ha voluto rigorosamente selezionare.
Fra tutti Carla Fracci e Beppe Menegatti, Luciana Savignano, Luigi Bonino, Elisabetta Terabust, Amedeo Amodio, Eleonora Abbagnato, Susanna Egri, Flavia Pappacena per l’Accademia Nazionale di Danza, Andrea Pontremoli, Cesare Nissirio, Gaia Straccamore oltre a Laura Comi con alcuni giovani danzatori della Scuola di Danza del Teatro dell’Opera di Roma, al pittore Giovanni Truncellito e alla coreografa Anna Cuocolo più volte ospite, con suoi interventi coreografici di elevata spiritualità, di Papa San Giovanni Paolo II in Vaticano.

Print Friendly, PDF & Email