OltreMente015: Festival di Jazz Contemporaneo

Punta Secca, 01 settembre 2015 – Va in archivio anche questa seconda edizione di Oltremente 015, il Festival di Jazz Contemporaneo promosso dall’associazione culturale Quattroetrentatre e conclusosi ieri sera a Punta Secca. Tre serate dedicate al jazz in un progetto musicale che ha saputo coniugare musica e territorio attraverso concerti e laboratori musicali. Un appuntamento di alto  livello artistico, con  personalità  e  progetti artistici di respiro nazionale  ed  internazionale, che ieri ha chiuso questa seconda esperienza con il Naked Sound Ensemble: Alessandro Nobile al contrabbasso, Salvo Scucces al vibrafono e Jimmy Weinstein alla batteria, quest’ultimo noto musicista e compositore di Chicago che ha altresì guidato i giovani del laboratorio didattico che anche quest’anno per tutto il mese di agosto ha coinvolto i  giovani  del  territorio  per sperimentare non solo la propria personale capacità tecnica e attitudine creativa, ma anche e soprattutto vivere un’esperienza di gruppo.  E ieri sera dopo l’esibizione del Trio spazio è stato concesso all’Open Depòt Lab with Jimmy Weinstein con l’applauditissimo concerto dei giovani del laboratorio.
Soddisfatti gli organizzatori del festival nonché l’amministrazione comunale di Santa Croce Camerina che ha patrocinato l’evento credendo in un progetto artistico di notevole valenza artistica capace di contribuire ad attirare nel borgo marinaro appassionati del genere musicale per trascorrere delle piacevoli serate all’insegna della buona musica, attorniati da una location suggestiva quale quella di P.zza Torre.    “Siamo davvero felici della buona riuscita di Oltremente015 – ha affermato Claudio Zarba, Presidente dell’Associazione Quattroetrentatre-. Abbiamo riscontrato una crescita notevole del pubblico che si è già affezionato a questo piccolo festival che potrà si spera diventare un appuntamento fisso dell’estate a Punta Secca. Grandi artisti hanno richiamato tante persone e questo ci rende soddisfatti. Come Associazione continueremo con altri progetti, anzi invito quanti lo desiderano a seguirci sulla pagina di Facebook”.

Print Friendly, PDF & Email