Ragusa, Notte di San Silvestro in piazza San Giovanni

Ragusa, 21 novembre 2014 – Ritorna il Capodanno in piazza San Giovanni. Una grande serata con più di 5 ore di spettacolo è stata organizzata dall’Amministrazione comunale, ed in particolare dall’assessorato alla Cultura retto dall’assessore Stefania Campo. Protagonisti della notte più attesa dell’anno saranno i Tinturia, una delle band più amate in Sicilia, che accompagneranno il pubblico al brindisi di mezzanotte, insieme all’Onorata Società. Ragusa si muove anche prima delle maggiori città siciliane nell’organizzazione dell’evento e si assicura dunque una band che non mancherà di richiamare tantissime persone, che arriveranno da ogni parte della provincia e non solo. L’organizzazione sta approntando un mega palco con copertura, in modo da assicurare lo spettacolo anche in caso di pioggia. La serata, che sarà gratuita, dopo i concerti delle due band, proseguirà con il dj set fino all’alba. “La notte di San Silvestro è sempre una bella occasione per rincontrarsi in piazza e condividere questi momenti di festa – dice l’assessore alla Cultura del Comune di Ragusa, Stefania Campo – tra l’altro in una cornice quanto mai suggestiva come quella di piazza San Giovanni. Siamo certi di avere fatto la scelta giusta, portando un gruppo che certamente non tradirà le attese e che, insieme all’Onorata società, farà ballare i tantissimi giovani e non solo che sceglieranno di passare la notte tra il 31 dicembre e l’1 gennaio all’aperto, in uno degli scorci più belli del centro storico di Ragusa”. Una notte di festa, di balli e di allegria, quella che è stata organizzata dall’amministrazione comunale, che certamente non tradirà le attese. I Tinturia sono tornati recentemente con il nuovo singolo “Cercasi rivoluzione”. “Un invito a cercare quella rivoluzione personale che ci possa riscattare da uno stile di vita obbligato dai grandi interessi economici privati e statali”, ha spiegato la band che dal 27 ottobre è partita con l’Uniweb Tour”, che la vede protagonista nelle webradio delle Università Italiane.

Print Friendly, PDF & Email