A Ragusa un incontro per celebrare la ricorrenza di San Luca Evangelista, patrono dei Medici e dei Chirurghi

Ragusa, 17 ottobre 2017 – Sarà il Commissario dell’Asp di Ragusa, dr. Salvatore Lucio Ficarra, a celebrare la ricorrenza di San Luca Evangelista, patrono dei Medici e dei Chirurghi con un’iniziativa dal titolo “Quando il rapporto fra Medico e Paziente rende più efficace la terapia” che si terrà mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 presso la sala ex cappella), sede della Direzione Generale, ex ospedale “G. B. Odierna”, piazza Igea, 1.

«Un tema delicato e importante, quello del rapporto fra medico e paziente che può influire sulla riuscita della terapia – afferma il dr. Ficarra. I Medici in prima linea per accompagnare e rassicurare i pazienti. Le parole e i comportamenti che danno spazio alle emozioni dei malati, sostenendoli in ogni momento, hanno effetti positivi sulla prognosi».

Don Giorgio Occhipinti, Direttore della Pastorale della Salute –Diocesi di Ragusa – introdurrà i lavori dell’incontro. L’iniziativa, infatti è stata realizzata con la collaborazione della Diocesi di Ragusa.

Note sulla ricorrenza

San Luca Evangelista, secondo la tradizione, nato ad Antiochia da famiglia pagana e medico di professione, si convertì alla fede in Cristo. Divenuto compagno carissimo di san Paolo Apostolo, sistemò con cura nel Vangelo tutte le opere e gli insegnamenti di Gesù, divenendo scriba della mansuetudine di Cristo, e narrò negli Atti degli Apostoli gli inizi della vita della Chiesa fino al primo soggiorno di Paolo a Roma.
La qualifica di medico attribuita a Luca viene confermata, secondo gli studiosi, dall’esame interno delle sue opere. La sua cultura e la preparazione specifica erano sicuramente note tra le comunità di cui faceva parte; potrebbe addirittura avere curato la Madre del Signore. Certamente la sua cultura generale e la sua esperienza degli uomini erano piuttosto notevoli.

Print Friendly, PDF & Email