Acate. “74° anniversario delle Stragi di Biscari. I comuni di Acate e Caltagirone uniti nel ricordo delle vittime”. Nota dell’amministrazione comunale.

Redazione Due, Acate (Rg), 14 luglio 2017.- Sabato 15 luglio 2017, nel corso del 74° Anniversario delle Stragi di Biscari verranno  ricordate, dalle Amministrazioni Comunali di Acate e Caltagirone e dall’Associazione “Lamba Doria”, le vittime civili di Borgo “Piano Stella” ed i militari italiani e tedeschi, posti a difesa dell’Aeroporto 504 di Santo Pietro di Caltagirone, barbaramente trucidati dalle truppe di invasione statunitensi, dopo essersi arresi. “Con la Cerimonia Commemorativa delle vittime civili e militari  delle Stragi di Biscari- ha evidenziato il Sindaco di Acate, prof. Franco Raffo- sabato rinnoveremo la nostra vicinanza ed il nostro affetto ai militari trucidati e a quegli umili contadini e lavoratori, vittime innocenti di un eccidio che la Storia per molto tempo ha volutamente ignorato ma che noi non possiamo dimenticare in quanto si è trattato di una strage priva di alcuna giustificazione, anche se nessuna strage è mai giustificabile, che ha visto cadere passivamente degli ignari agricoltori che nulla avevano a che vedere nè con la guerra nè con eventuali azioni belliche ostili. Pertanto sabato mattina ci ritroveremo alle 9,30 prima  a Piano Stella, dove sono stati trucidati gli agricoltori delle “Case Coloniche”, alcuni dei quali parenti di nostri concittadini, per la deposizione di una corona di alloro nei pressi della lapide che ricorda i contadini barbaramente fucilati  e, successivamente, ci sposteremo nella borgata di “Santo Pietro”, frazione di Caltagirone, per la cerimonia ufficiale che, dopo il tradizionale alzabandiera e la deposizione di una corona di alloro al monumento dedicato ai soldati italo-tedeschi trucidati, rivolgeremo un sentito e partecipato pensiero ai nostri Caduti e ai tanti “Militi ignoti”. Uno degli aspetti importanti della Cerimonia commemorativa è l’unità di intenti tra i Comuni di Acate e Caltagirone  e dei rispettivi Sindaci i quali ogni anno si incontrano per commemorare e ricordare i fatti accaduti tanti anni fa, a  dimostrazione che i morti non hanno alcuna appartenenza territoriale ma appartengono a tutte le comunità, senza distinzione alcuna. Sono momenti di forte rilevanza valoriale, estremamente attuale, in quanto non solo affermiamo una verità storica  ma rinnoviamo e confermiamo anche i valori essenziali del nostro essere comunità civile: quelli della vita, della convivenza pacifica, del ricordo dei caduti innocenti, troppo spesso messi ”in disparte”, rimossi nell’oblio delle coscienze  da una società sempre più confusa e  disorientata. Per questi motivi sabato saremo presenti alla Cerimonia e ci inchineremo ai nostri Caduti, per rinnovare la promessa di un ricordo indelebile. La Memoria scrive la Storia e la Storia, in cui si riconoscono tanti cittadini, crea le fondamenta di  una Comunità che vive di veri ed autentici valori”.

L’Amministrazione Comunale

Print Friendly, PDF & Email