Sicurezza nei luoghi di lavoro: Venerdì seminario e protocollo d’intesa tra Geometri e Ingeneri

CATANIA – La sicurezza sul lavoro non è mai troppa eppure sembra essercene sempre meno. Cosa prevedono le norme regionali e nazioni in tema di prevenzione in edilizia e prevenzione dalla caduta dall’alto? Come qualificare le imprese e i lavoratori autonomi impegnati in ambienti sospetti d’inquinamento o confinati?
Se ne parla venerdì 22 aprile 2016 durante il seminario “La valorizzazione dei professionisti della sicurezza nei luoghi di lavoro” che il gruppo di lavoro “Sicurezza – Lavori Pubblici – Prevenzione incendi del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Catania organizza insieme all’ANIS, Associazione Nazionale Ingegneria della Sicurezza.
Appuntamento dalle ore 16,30 alle 18,30 presso la sala conferenze “Francesco Leonardi” della sede del Collegio in piazza della Repubblica n. 32.

Un’occasione di formazione e approfondimento per i professionisti, ma anche per firmare il protocollo d’intesa tra il Collegio etneo e l’ANIS, rappresentati, rispettivamente, da Paolo Nicolosi, presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Catania e da Antonio Leonardi, presidente dell’Associazione Nazionale Ingegneria della Sicurezza.

Sarà proprio quest’ultimo ad aprire i lavori parlando del nuovo piano nazionale e regionale di prevenzione in edilizia e dei modelli semplificati di PSC e POS, mentre Elisa Gerbino,
collaboratrice dell’Università di Catania nonché segretario ANIS, illustrerà le Linee guida per la prevenzione del rischio di caduta dall’alto e il Format per la redazione dell’elaborato tecnico-coperture: Il progetto ASP Ct – Unict. A seguire Angelo Costa, vice presidente del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Catania parlerà delle modifiche apportate dal d.lgs. 151/2015 al d.lgs. 81/08 e infine Giuseppe Spitaleri, coordinatore della commissione del Collegio che organizza illustrerà come qualificare le imprese e i lavoratori autonomi impegnati in ambienti sospetti d’inquinamento o confinati.

Print Friendly, PDF & Email