Sposa Barocca a Modica tornerà in scena sabato prossimo 1 ottobre

Il maltempo di domenica non ha consentito lo svolgimento del Gran Finale

MODICA – Sabato prossimo, 1 ottobre alle ore 20, le scalinate di San Pietro a Modica ospiteranno il Gran Finale della seconda edizione di Sposa Barocca, inizialmente previsto nella serata di domenica, ma rinviato a causa delle avverse condizioni atmosferiche.
Il programma con in scaletta le sfilate di sei atelier dunque è stato rinviato a sabato prossimo.
“Vi assicuriamo – hanno specificato le organizzatrici dell’Associazione Pink Events di Emanuela e Loredana Pulino e Isabella Cappello – che il format sarà mantenuto, ed ancora una volta lo splendido scenario naturale di San Pietro ospiterà performance da sogno. Un posticipo tecnico, reso necessario a causa delle avverse condizioni meteo di domenica sera che non hanno consentito lo svolgimento della manifestazione. Sabato prossimo dunque spettacoli, glamour e moda saranno ancora una volta protagonisti per un appuntamento che toglierà il fiato”.
Sabato scorso, il pubblico delle grandi occasioni non ha fatto mancare la propria presenza. Un gremito corso Umberto ha assistito alle varie performance rese ancora più suggestive dai giochi di luce che hanno valorizzato la kermesse presentata dalla madrina della manifestazione Isabella Cappello e da Gabriele Lazzaro, noto attore e firma de Il Giornale e Tgcom, che ha indossato, per l’occasione, gli abiti di Carlo Pignatelli.
“Ciò che mi ha maggiormente colpito – ha dichiarato Gabriele Lazzaro – è il team giovane che ha ideato e promosso questa seconda edizione di Sposa Barocca. Giovani professionisti che si sono scommessi per ritagliarsi una concreta opportunità nella valorizzazione del tessuto produttivo del wedding in Sicilia. Da giovane artista che cerca di lavorare nel settore indipendente, penso sia fondamentale l’approccio con la propria professione e Sposa Barocca è stata un’occasione per raccontare la Sicilia.
Poi, innegabile la carica che viene fornita dallo scenario naturale in cui la kermesse ha avuto luogo, quale il centro storico di Modica. Un palcoscenico naturale pazzesco con le scalinate di San Pietro e il sottostante corso Umberto, simbolo di bellezza indiscussa. È stato tutto magico e ringrazio gli organizzatori dell’Associazione Pink Events e il direttore creativo Giuseppe Savarino dell’agenzia Sava&Sava per avermi invitato. Io rientro a Milano con Modica nel cuore, in attesa di definire alcuni progetti in cantiere, tra cui la stesura di un monologo teatrale che si avvarrà della regia di una famosa attrice comica italiana, di cui al momento non si può dire altro. Sarò anche impegnato in progetti televisivi e nella promozione del mio cortometraggio Normality ispirato a fatti reali con la colonna sonora di Grazia Di Michele. Un lavoro fatto da giovani per affermare che la crisi di cui tanto si parla è solo un’illusione, basta rimboccarsi le maniche e credere nel proprio progetto, così come ha fatto il team di Sposa Barocca. Infine l’organizzazione è stata lungimirante – ha concluso Gabriele Lazzaro – nel far esibire Luca Buccolo, un giovane cantante milanese che ha incantato Grazia Di Michele e che sabato sera ha contribuito a creare una magica atmosfera a Modica”.
Sabato sera sfilate di spessore, con abiti di fine fattura dedicati al mondo della cerimonia e del wedding, sono state la colonna sonora dell’intera manifestazione. Allestimenti accattivanti hanno proiettato la città di Modica nel panorama della moda che conta. Suggestiva anche l’esibizione della soprano modicana Chiara Notarnicola che si è esibita nell’esecuzione di Simple Song, tratta dalla colonna sonora del film Youth-La Giovinezza di Sorrentino e appositamente arrangiata dal M° Gianluca Abbate per Sposa Barocca.
“Siamo soddisfatti del lavoro compiuto. – ha chiosato il direttore artistico Giuseppe Savarino – La serata di sabato è stata un’icona di gusto apprezzata dal numeroso pubblico presente. L’appuntamento adesso è per il prossimo sabato, 1 ottobre, quando le scalinate di San Pietro saranno nuovamente un palcoscenico a scena aperta con la presentazione dei capi di sei atelier per far vivere la moda e l’eleganza”.

Print Friendly, PDF & Email