Teatro Utopia a Poggio del Sole 12 agosto 2014

05 Ago 2014 (ITALREPORT) – RAGUSA (RG), Martedì 12 agosto 2014, ore 20.30, appuntamento teatrale a Poggio del Sole. Sarà la compagnia teatrale Utopia, in sinergica collaborazione con il Centro Studi Feliciano Rossitto, Federazione Italiana Teatro Amatori e Assessorato Regionale dei Beni Culturali e Identità Siciliana, Poggio del Sole Resort, a mettere in scena “Colto in flagrante” di Derek Benfield (traduzione di Maria Teresa Petruzzi). La regia è curata da Giorgio Sparacino mentre la scena è di Bernd Leuchtenberger. Il cast degli attori è costituito da Marco e Pippo Antoci, Federica e Monica Bisceglia, Vittorio Bocchieri, Ornella Cappello, Giorgio Gurrieri, Natalina Lotta.
Luci e fonica sono affidati a Davide Criscione; trucco e parrucco di Antonio Pluchino.
(La rappresentazione è autorizzata da “Concessionari Associati” S.r.l. Roma)

L’amore non ha preferenze di luoghi, sgorga dovunque. Lui il marito, un bambinone eternamente infedele con un talento innato nel rimorchiare ragazze, lei una moglie vivace e dinamica.
Scambi di persona, equivoci, una serie infinita di situazioni intricate e malintesi sono la giusta miscellanea nella quale si sviluppa la commedia di Derek Benfield, “Colto in flagrante”, reduce dei successi ottenuti al Garibaldi di Modica, al Teatro Don Bosco di Ragusa, che adesso approda nella splendida location dell’anfiteatro Poggio del Sole, per la regia di Giorgio Sparacino.

L’iter scenico si presenta brillante e veloce. E non solo. Una vera miniera di colpi di scena, come nel più canonico filone della farsa anglosassone, che ben si presta ad evidenziare le capacità interpretative dei singoli attori e, al tempo stesso, a mettere in mostra il livello di affiatamento raggiunto dagli stessi. Sul palcoscenico è un ritmo incalzante di battute e di movimenti scenici.

L’intera architettura che sta dietro la rappresentazione teatrale è ben diretta dal bravissimo e collaudato Giorgio Sparacino. C’è un bel movimento in scena e una non facile coordinazione nelle entrate e nelle uscite degli attori. Incroci, intrecci, menage a trois, il tema trattato è quello del tradimento, in buona sostanza dell’infedeltà. “Colto in flagrante” si rivela, dunque, una commedia divertente, leggera, con delle belle battute, momenti e tempi comici che funzionano.
La grande assente è, forse, la verità.

Print Friendly, PDF & Email